Lazio, batosta dal giudice sportivo: stagione finita per Dias e Marchetti

federico marchetti

L'assurdo finale del Friuli lascia profondissime tracce sulla pelle della Lazio che paga duramente le intemperanze dei suoi calciatori per il parapiglia scatenatosi a seguito del gol di Pereyra, l'argentino aveva messo a segno il raddoppio approfittando del triplice fischio arrivato dalle tribune che aveva ingannato soprattutto i biancocelesti. Il giudice sportivo Tosel dopo aver ricevuto il referto dell'arbitro e dei suoi collaboratori ha usato il pugno duro squalificando Dias e Marchetti e infliggendo una multa al club capitolino, sanzioni che rischiano seriamente di pregiudicare la corsa della squadra di Reya per il terzo posto.

Il portiere ex Cagliari e della nazionale Federico Marchetti a fine gara si era scagliato con violenza sull'arbitro Bergonzi, spingendolo con forza da dietro, questo gesto gli costa 4 giornate di squalifica e potrebbe compromettere anche il suo sogno di partecipare ai prossimi Europei. Sappiamo bene quanto Cesare Prandelli tenga al suo codice etico e una condotta violenta, per di più verso il direttore di gara, potrebbe costare carissima all'estremo difensore. Va leggermente meglio a Dias, espulso da Bergonzi sul campo, che è stato squalifica per 3 giornate, in ogni caso anche per lui la stagione è ormai finita.

La ciliegina sulla torta è la multa di 20 mila euro comminata alla società che, come si legge nel comunicato, ha "omesso di impedire, al termine della gara, l'ingresso non autorizzato nel recinto di giuoco di un proprio dirigente e di un collaboratore, che spingeva un dirigente della squadra avversaria, facendolo cadere al suolo". Adesso il lavoro di Edy Reja diventa molto più duro: l'allenatore della Lazio, che già doveva fare i conti con tantissimi infortuni, deve rinunciare a due pedine importanti come Marchetti e Dias in vista dello sprint finale per il terzo posto.

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: