Ronaldo? Se in forma è ancora devastante!

ronaldoPerfezionato l'accordo con il Milan (7,5 i milioni di euro che andranno al Real Madrid), Ronaldo è finalmente pronto a voltare pagina e a riprendere la sua avventura italiana proprio da dove era terminata 4 anni fa, dalla città della Madonnina, ma stavolta sponda rossonera.

Il fenomeno ha salutato Madrid con un pizzico di rammarico ma senza dimenticare le persone che lo hanno aiutato nel corso della splendida avventura spagnola: "Purtroppo nella vita anche le belle storie a volte finiscono. Ringrazio tutti, dirigenti, compagni di squadra e allenatori, tranne uno (?)."

Ma tra giornalisti, calciatori e allenatori, non tutti sono convinti che il centravanti possa inserirsi da subito e con una certa facilità nella squadra di Carletto Ancelotti. Arrigo Sacchi: "A Milanello c'è grande professionalità e spirito di sacrificio. Non se se Ronaldo riuscirà ad integrarsi a meraviglia in un ambiente di questo tipo."

Josè Felix Diaz (vice direttore del Marca), la pensa come il tecnico di Fusignano: "Non si allena come dovrebbe, non ama lavorare e conduce un tipo di vita poco propenso alle rinunce."

Ma dalla parte del brasiliano si schierano importanti nomi del calcio mondiale. Per Boban il fenomeno viene subito dopo Pelè e Maradona, per Gigi Simoni è addirittura il più grande di tutti i tempi.

Per Shevchenko e Parreira resta un giocatore da un gol a partita, mentre Massimo Moratti lo considera semplicemente il più forte del mondo.
Simeone: "Da solo, spaventava una squadra intera. Gli occhi dei difensori avversari erano pieni di terrore: sapevano che da un momento all'altro li avrebbe fregati. E poi era positivo anche fuori dal campo: la sua simpatia dava immagine a tutta l' Inter."
Ancora qualche perplessità? Solo un po' di pazienza. Il tempo delle ciarle è terminato. Sarà il campo a giudicare.

via | Gazzetta.it

  • shares
  • Mail
27 commenti Aggiorna
Ordina: