Calcioscommesse, i primi deferimenti: 22 club dalla B in giù e oltre 50 calciatori

Finita la prima fase di indagine di Stefano Palazzi, domani sarà reso noto frutto di questi due mesi di indagine: una pioggia di deferimenti è in arrivo.


Nell’anno in cui la Juventus celebra il suo primo scudetto dopo i fatti di Calciopoli, il mondo del calcio italiano, a causa dello scandalo calcioscommesse, si appresta a vivere un’altra estate a dir poco torrida che potrebbe sconvolgere i calendari e le classifiche della prossima stagione. Mentre le inchieste delle varie procure vanno avanti ininterrottamente, arrivano anche le prime conclusioni di Stefano Palazzi quelle che andranno ad influenzare la giustizia sportiva. Il procuratore federale ha redatto un fascicolo di 300 pagine, arricchito da svariati allegati, dopo due mesi di interrogatori, ascoltate 111 persone, e indagini a tutto campo.

I numeri fanno rabbrividire e siamo solo a metà dell’opera visto che da questa prima fase dell’inchiesta sono stati esclusi i club di Serie A. Sarà la Figc domani a comunicare i soggetti interessati dai deferimenti, ma si sa già che saranno coinvolti 22 club di Serie B, Lega Pro e Dilettanti. Sono ben 61 le persone fisiche che saranno raggiunte dal provvedimento, di esse 54 sono calciatori, 2 non in attività all’epoca della contestazione, 4 dirigenti a vario titolo e 3 iscritti all’albo dei tecnici. In totale le partite interessate sono 33, di cui 29 di varie stagioni di Serie B, 2 di diverse edizioni di Coppa Italia e altre 2 della Coppa Italia della Lega Pro.

A tremare di più per adesso sono i club della serie cadetta, tra i quali alcuni in lotta per la promozione in Serie A: è il caso del Torino, del Padova, ma anche del Varese e del Verona. Non si può ancora sapere cosa accadrà, in particolare se i provvedimenti saranno scontati nella stagione in corso o sotto forma di penalizzazione in quella prossima, ma di sicuro gli effetti potrebbero essere devastanti. I processi sono previsti a maggio, si terranno con rito abbreviato, e molti tesserati rischiano la radiazione.

E questa è solo la prima ondata di provvedimenti, entro fine mese Palazzi riceverà infatti le carte dalle procure di Bari e Napoli e toccherà quindi alla Serie A. Le squadre che potrebbero essere interessate sono le tre neopromosse, il Novara, già retrocesso, il Siena e l’Atalanta, anche se non è escluso che facciano parte dei 22 club che verranno resi noti domani; tremano anche Lecce, Genoa e Chievo, ma potrebbero rischiare qualcosa anche Napoli e Lazio. Per la Serie A i processi si terranno a luglio e le sanzioni saranno comunicate prima del termine ultimo previsto per la comunicazione da parte della Figc delle liste Uefa. Quello che sembra certo è che il calcio italiano potrebbe subire profondi cambiamenti nei suoi connotati, domani si inizierà ad avere un’idea più precisa di quelle che potrebbero essere le conseguenze di questo ennesimo scandalo.

Foto | © TMNews

I Video di Calcioblog

Ultime notizie su Calcioscommesse

Tutto su Calcioscommesse →