Parma, Ghirardi spara il prezzo: “Giovinco vale 40 milioni”

Dopo l’ottima stagione conclusasi con l’ottavo posto il presidente gialloblu fa il bilancio e pensa al futuro, soprattutto a quello di Giovinco che potrebbe essere lontano da Parma.


Il Parma ha chiuso il campionato con 56 punti, frutto soprattutto delle sette vittorie di fila nelle ultime gare, addirittura otto vittorie e un pareggio nelle ultime dieci, numeri che hanno fruttato un ottavo posto e un record storico per la squadra ducale. Protagonista di questa stagione dei gialloblu è stato sicuramente Sebastian Giovinco, l’attaccante scuola Juve quest’anno ha raggiungo la definitiva maturazione: è stato lui a trascinare la squadra con gol e assist, a proposito sono 15 i centri in campionato. Alla fine è arrivata anche la convocazione di Cesare Prandelli per i prossimi europei che con buona probabilità lo vedranno tra i protagonisti della rosa azzurra, insomma non un ruolo di semplice comprimario.

La Formica Atomica non può che essere soddisfatto di questa stagione, ma se vogliamo lo è ancora di più il suo presidente Tommaso Ghirardi che ha visto crescere esponenzialmente il valore economico del suo giocatore. Il cartellino di Giovinco è attualmente in comproprietà tra Parma e Juventus e i due club si dovranno incontrare per parlare del futuro. Secondo alcuni Antonio Conte sarebbe molto propenso a riportare il giocatore a Torino, il problema sta nel capire quanto vale la metà del cartellino in mano agli emiliani. Per farsene un’idea basta semplicemente ascoltare le parole del patron che sembra aver fatto già i suoi conti:

“Quanto vale Giovinco? Il valore lo fa il mercato. Se pensiamo alle valutazioni di Pastore o di Sanchez della passata estate, non credo abbia fatto peggio di loro, anzi, ha fatto meglio”.

Basta andare a riprendere i quotidiani della scorsa estate per scoprire che Ghirardi ha in mente una cifra che si avvicina ai 40 milioni di euro. Messaggio recapitato alla Juve che a questo punto deve iniziare a pensarci molto bene. Ha parlato del futuro di Giovinco anche il suo procuratore, Andrea D’Amico che ha posto altre condizioni su un eventuale ritorno in bianconero: il giocatore sceglierà la sua futura destinazione solo se verrà considerato un grande giocatore, non certo per partire dalle seconde linee. A questo punto la Juventus, più che il Parma, deve temere qualche altra società che potrebbe agire nell’ombra è fornire ai ducali gli stimolo giusti per risolvere la comproprietà.

Giovinco a parte c’è molto altro per cui essere ottimisti dalle parti del Tardini. Come detto il campionato è stato assolutamente eccezionale, la rosa è ben assortita e se l’appetito vien mangiando allora perché non immaginare un obbiettivo più importante per la prossima stagione? Ghirardi ci sta pensando e ha già scelto Donadoni come condottiero per le future conquiste:

“Il mio sogno è un Parma che abbia qualche ambizione in più della permanenza in A senza dimenticare però che siamo una provinciale. La nostra media di 50 punti nelle ultime 3 stagioni deve darci la forza di osare, di porci degli obiettivi più importanti. Ero convinto che ci mancasse la mentalità vincente e Donadoni è stato bravo a inculcarla. Nei primi anni sognavo i calciatori, ora sogno i risultati”

Intanto i gialloblu possono godersi il meritato riposo, prima del rompete le righe ci sono giusto un altro paio di impegni: domani la squadra si ritroverà sul campo per un allenamento leggero, giovedì ci sarà la grigliata organizzata dalla società, si chiude venerdì con la festa dei 35 anni dei Boys, per l’occasione è prevista una partita tra gli attuali giocatori in rosa e le vecchie glorie del club. Poi sarà davvero tempo di vacanze, eccezion fatta per chi sarà impegnato con la nazionale come Giovinco.

Foto | © TMNews

I Video di Calcioblog