Calciomercato: l'Inter rivuole Mattia Destro, pronta l'offerta per il Genoa

mattia destro

Il sesto posto in campionato ha messo l'Inter nella condizione di dover intervenire abbastanza decisamente sul mercato. Massimo Moratti ha già confermato Andrea Stramaccioni che quindi siederà sulla panchina nerazzurra anche all'inizio della prossima stagione, ora però c'è da rinforzare la squadra che quest'anno ha dimostrato carenze in vari reparti, vuoi per l'età di molti componenti della rosa, vuoi per le motivazioni che non sono certo quelle di qualche anno fa. Il primo obbiettivo di mercato ha un nome ben preciso e cioè quello di Mattia Destro, l'attaccante definitivamente esploso a Siena sotto la guida di Sannino.

Il giovane centravanti è cresciuto nelle giovanili dell'Inter, il suo cartellino è però finito interamente nelle mani del Genoa nel giro di un paio di sessioni di mercato. Quest'estate una metà è andata al Siena, attualmente è in comproprietà tra toscani e liguri, ma questa situazione dovrebbe sbloccarsi a fine campionato quando i rossoblu ricompreranno la metà dai bianconeri. Per non lasciarsi trovare impreparato Marco Branca ha incontrato ieri Enrico Preziosi e, secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, il dirigente nerazzurro avrebbe già formulato una prima offerta. Sul piatto l'Inter avrebbe messo Kucka, che a dire il vero Milano per ora l'ha vista solo in cartolina, più metà del cartellino di Samuele Longo, giovane attaccante della Primavera di cui si dice un gran bene.

Per il momento c'è ancora una differenza tra domanda e offerta, Preziosi valuta il cartellino di Destro intorno ai 20 milioni di euro, da Milano non vorrebbero superare i 15. Ci sarà quindi da lavorare di lima, anche se l'affare non convince del tutto: l'attaccante del Siena ha sicuramente confermato quest'anno di avere grandi doti, la convocazione di Prandelli è una sorta di sigillo di garanzia, ma che senso ha privarsi di un altro frutto del vivaio per riuscire ad arrivare ad un giocatore che dalle stesse giovanili era stato tirato fuori? Meglio allora provare a raggiungerlo sacrificando qualche altra pedina, senza rischiare di ritrovarsi fra qualche anno a dover fare un'altra asta per Longo. L'unica cosa certa per ora è che in caso di approdo di Destro alla Pinetina a fare le valige sarebbe Pazzini.

Cambiamo reparto, passiamo al centrocampo. Qui subentrano le richieste specifiche di Stramaccioni che ha fatto presente alla società l'esigenza di un centrocampista basso, il ruolo ricoperto questa stagione da Stankovic o Cambiasso, entrambi apparsi a corto di ossigeno. In cima alla lista della spesa c'è Nigel De Jong, in forza al Manchester City. Sappiamo quanto sia costoso il tariffario degli sceicchi di Manchester, l'olandese, dopo il fallaccio su Ben Arfa di qualche tempo fa, è stato un po' messo da parte da Mancini che però ultimamente lo ha riscoperto. Anche in questo caso ci sarà da fare bene i conti e valutare la convenienza dell'affare.

Ecco allora che per lo stesso ruolo è spuntato il nome di Borja Valero, più giovane di un anno di De Jong e meno costoso, se non altro perché lo spagnolo milita nel Villarreal. La squadra spagnola è appena retrocessa, abbastanza clamorosamente, dalla Liga e difficilmente potrà trattenere i suoi prezzi pregiati, l'affondamento del sottomarino giallo potrebbe garantire buoni affari a più di un club. Tutte queste trattative vedranno i propri sviluppi nelle prossime settimane, senza dimenticare che l'Europeo potrebbe suggerire altre interessanti opportunità. Di sicuro l'Inter dovrà stare con gli occhi ben aperti, i bisogni sono tanti e, questo punto, il margine d'errore è piuttosto limitato.

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail