Agnelli: "Giusto che la maglia di Del Piero la indossino altri"


Ormai è ufficiale e la questione è chiusa. La maglia numero 10 di Alessandro Del Piero non sarà ritirata. La maggioranza degli appassionati di calcio e dei tifosi della Juventus aveva espresso un parere negativo sull'iniziativa così come lo stesso Del Piero, contrario all'idea che il suo numero più caro potesse diventare irraggiungibile da qualunque altro calciatore. "Mi ha fatto piacere che Del Piero non abbia voluto che la sua maglia fosse ritirata: lui sarà sempre capitano, in eterno, ma è giusto che la maglia numero 10 possa essere indossata da un altro dopo di lui", ha sentenziato Andrea Agnelli raccogliendo l'appello dell'ex capitano e dei tifosi bianconeri.

All'inaugurazione del J Museum, un museo tecnologico e all'avanguardia per tutti i tifosi bianconeri e in presenza di Lapo Elkann e Pavel Nedved, della squadra al gran completo, di Roberto Bettega e di vari campioni del passato, Andrea Agnelli ha parlato anche del prossimo e ultimo impegno della Juventus, la finale di Coppa Italia: "Se dovessimo vincere la Coppa Italia, neanche il miglior sceneggiatore avrebbe potuto scrivere un finale migliore, ma dobbiamo rimanere concentrati perché questo pezzo di storia dobbiamo ancora scriverla e affronteremo una squadra che ci impegnerà fino all'ultimo minuto".

Agnelli ha commentato con ironia le previsioni di inizio campionato:

"A inizio stagione eravamo da quinto-sesto posto, oggi ci paragonate alle migliori quattro d'Europa. Sapevamo le priorità su cui dovevemo intervenire già prima di questa euforia. Le priorità sulla squadra come in azienda sono rimaste tali. Domenica è un passaggio fondamentale della stagione perché, a prescindere dallo scudetto, abbiamo sempre puntato alla Coppa Italia che per noi sarebbe la decima".

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail