Flamengo: Ronaldinho ubriaco all'allenamento, compagni stufi di lui

ronaldinho

Ronaldinho non ce la fa proprio a tenersi lontano dai guai, in Brasile sta per cominciare il campionato e l'ex milanista ha già trovato il modo di far infuriare società e compagni. Mercoledì scorso la sua squadra, il Flamengo, si sarebbe dovuta ritirare alle nove e mezzo di mattina per l'allenamento in vista del primo impegno di campionato in programma per domenica prossima contro lo Sport Club di Recife. Il Gaucho si è presentato in leggero ritardo e circondato dalle sue guardie del corpo, secondo quando riferiscono i giornali brasiliani i gorilla gli servivano a mascherare le sue difficoltà deambulatorie dovute al tanto alcool ingerito la sera prima.

Il giocatore, pur negando di essere ubriaco, ha chiesto di non partecipare alla seduta di allenamento lamentando dei non meglio specificati dolori muscolari. I dirigenti della società brasiliana non hanno però acconsentito e Ronaldinho è stato costretto ad allenarsi da solo, così, mentre i suoi compagni erano impegnati nella classica partitella, lui continuava a girare da solo sotto la pioggia. La stessa scena si è ripetuta il giorno dopo, giovedì, un nuovo allenamento solitario, questa volta a causa di un ritardo di qualche decina di minuti. Ad assistere alla scena anche la presidentessa Patricia Amorim, rappresentante della società che sembra piuttosto infastidita da questi comportamenti.

Di sicuro chi ha quasi perso la pazienza è l'allenatore Joel Santana che nell'ultima conferenza stampa ha risposto abbastanza seccato ai giornalisti che continuavano a insistere sull'argomento Ronaldinho: "Sono qui da appena tre mesi e già mi sono stufato di dover rispondere su Ronaldinho. Come posso rispondere io su un giocatore che è stato campione del mondo, premiato con il Pallone d'Oro ed è diventato ricco? È lui che deve spiegare a voi giornalisti perché non sta andando bene in campo". In sua difesa è sceso Zinho, ora direttore sportivo del club: "Non è vero nulla, da quando sono arrivato non è mai successo che si presentasse ubriaco, altrimenti non sarebbe nemmeno andato in campo".

Secondo il campione del mondo 1994 Ronaldinho si sarebbe allenato a parte per una scelta tecnica: nei giorni precedenti aveva piovuto molto e i campi erano molto pesanti, per questo lo staff avrebbe optato per un allenamento più leggero al fine di scongiurare affaticamenti e infortuni. Zinho fa giustamente il suo lavoro, cercando di tenere lontano dalle polemiche la squadra e il suo pezzo più pregiato, ma non è la prima volta dal quando è tornato in patria che si trova al centro delle polemiche. Per ora ha pagato perdendo la nazionale, ma in futuro potrebbe essere scaricato anche dal Flamengo.

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail