Pescara promosso in Serie A


Il Pescara è matematicamente in Serie A. Gli abruzzesi seguono il Torino nella massima serie, la squadra di Zeman raggiunge un traguardo che mancava da 19 anni. Il Pescara venne retrocesso dalla Serie A per l'ultima volta al termine del campionato 1992/93, un'era fa. Una squadra costruita con pochi soldi, tanti giovani in prestito e qualche talento (uno su tutti Verratti) dal vivaio dei Delfini.

Una nuova Zemanlandia, anni dopo quel Foggia che lanciò l'allenatore boemo nel calcio italiano. La promozione matematica in Serie A arriva grazie ad un colpo di reni finale con le vittorie sul Toro i casa e quella di oggi in trasferta sul campo della Sampdoria: 3 a 1 in trasferta, l'ennesima dimostrazione di quale tipo di squadra sia riuscito a costruire Zeman. Fondamentale il contributo di ragazzi come Ciro Immobile, proveniente dalla Juventus (e oggi in comproprietà con il Genoa), capocannoniere con 28 centri e Lorenzo Insigne (di proprietà del Napoli) che di reti ne ha segnate 18.

A caldo, subito dopo il fischio finale, l'allenatore ha voluto dedicare il successo allo scomparso Franco Mancini, preparatore dei portieri scomparso per un infarto poche settimane fa. L'entusiasmo nella città abruzzese è incontenibile, anche perché erano in pochi a scommettere su una promozione diretta in Serie A, e ci sarà tempo per le domande che si affollano inevitabilmente sul futuro della squadra e della società. Che tipo di squadra vedremo l'anno prossimo? Resterà Zeman? Staremo a vedere.

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail