Van Persie - Juve: il blitz a Torino dell'olandese irrita l'Arsenal


Intrigo di mercato di quelli belli, di quelli che appassionano e fanno scrivere. La storia è semplice, almeno il suo antefatto: la Juve è a caccia di un giocatore di fama internazionale, un attaccante moderno che la butta dentro all'occorrenza facendo tutto da solo, un fuoriclasse a cui non sarebbe un'eresia affidare il numero 10 che è stato, e non sarà più, di Alessandro Del Piero per quasi venti anni. Nomi, indiscrezioni, rumors, soffiate, supposizioni, il ds bianconero Giuseppe Marotta è uscito allo scoperto ammettendo che la caccia all'ormai famigerato "top-player" è cominciata: Higuain, Suarez, Cavani, Drogba ma soprattutto Robin Van Persie. Soprattutto perché oggi sia la Gazzetta che il Corriere hanno rivelato di un vero e proprio blitz dell'attaccante dell'Arsenal in quel di Torino, come per altro annunciato già ieri sera su Sportitalia da Michele Criscitiello; i dettagli li ha forniti l'esperto di mercato Gianluca Di Marzio di Sky:

"Robin Van Persie, circa venti giorni fa (comunque prima dello scudetto), è volato a Torino con il suo aereo privato, un viaggio pagato di tasca propria. L’olandese, accompagnato dalla moglie, ha girato la città in una macchina messa a disposizione dalla Juventus. Vetri scuri, sguardi indiscreti, Van Persie non è mai sceso per evitare situazioni particolari. Eppure, l’olandese Torino l’ha studiata nei particolari. Ha visto lo Juventus Stadium (entrando dall’ingresso pullman), il centro sportivo di Vinovo da fuori, una panoramica della città con focus particolare sulle zone dove poter abitare, come la Mandria oppure il centro di Torino. Niente incontri in sede con la Juventus, però. Van Persie non ha voluto correre il rischio di essere sorpreso, dopo questo tour all’ombra della Mole è ripartito. L’obiettivo era chiaramente quello di vedere Torino, studiarla con un primo sguardo, captare anche le intenzioni della moglie per un discorso legato alla possibile città del futuro. Possibile, appunto. Perché la trattativa per portare Van Persie in bianconero resta ancora in salita. La Juventus offre al giocatore meno rispetto a quanto propongono Manchester City o Manchester United. Se l’offerta bianconera arriva a 5 milioni più bonus, il gioiello dell’Arsenal da Manchester ha ricevuto proposte da 7 milioni. La differenza è notevole, la Juve però resta in corsa".

Prossimo ai 29 anni il centravanti della Nazionale olandese è davvero un giocatore completo. Ma i soldi sono soldi e in Premier League ne girano più che in Serie A da molti anni a questa parte (non a caso l'ultimo trasferimento dall'Inghilterra all'Italia è datato 2005 quando proprio via Gunners arrivò Patrick Vieira alla Juve); di fatto Van Persie è in rottura col suo club e il contratto con l'Arsenal gli scade nell'estate del 2013. Poco male per il presidente dei londinesi Peter Hill-Wood che, a sentire l'edizione britannica del portale goal.com, si sia non poco infastidito per i continui contatti del suo giocatore o del suo entourage (l'agente ha di recente incontrato i vertici del Manchester City) ha vietato loro di comunicare con altri club: non vogliono passare per "fessi" dalle parti dell'Emirates e piuttosto che "svendere" il loro gioiello sarebbero disposti a tenerlo un altro anno per poi lasciarlo andare a parametro zero il prossimo anno. Di certo la bandiera dello storico team di Londra non vuole rinnovare, e proprio su questo punto insiste l'indimenticato portiere dei Gunners David Seaman:

"L'Arsenal deve fare di più per trattenere Van Persie. Devono offrirgli un contratto fantastico. Siamo in Champions League, e questo deve essere un incentivo per il club oltre che un'attrattiva per i giocatori. Ripeto, l'Arsenal deve fare un'offerta irrinunciabile a Van Persie".

Secondo l'agente Fifa Peppino Tirri, per altro profondo conoscitore del calcio d'oltremanica, l'affare potrebbe comunque andare in porto (come ha dichiarato a tuttojuve.com):

"Stiamo parlando di una squadra come la Juventus, che da sempre esercita grande fascino e in più è tornata a vincere lo Scudetto. Il prossimo anno la vedremo in Champions League e nella sua storia hanno vestito la maglia bianconera. Per cui la Juventus ha tutte le caratteristiche per avere un giocatore del calibro di Robin van Persie: se si riesce a far quadrare in qualche modo il budget degli ingaggi ce la si può fare. Ora bisogna vedere, appunto, se questo è possibile. Il Manchester City? Come cliente il City è piuttosto scomodo. Loro possono attingere da un patrimonio economico enorme e se ci si mette a far asta è davvero dura”.

La strada per arrivare a Van Persie è dura e impervia, e questo alla Juve lo sanno. Ma se ben gestita, la situazione ad oggi pare sorridergli: a sensazione pare che siano proprio i bianconeri i favoriti a far indossare la propria casacca a Van Persie. Tanto più perché lo hanno ingolosito promettendogli la numero 10.

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail