Ciro Ferrara: “Se il Napoli crede in Insigne deve farlo giocare”

Il Ct dell’Under 21 spera che il Napoli dia ad Insigne lo spazio che merita, facendolo giocare come accade a molto giovani stranieri


Oggi il Ct della nazionale Ciro Ferrara ha fatto visita al carcere di minorile di Nisida, ed ha parlato di Lorenzo Insigne, uomo di punta della sua nazionale Under 21. Il giovane talento partenopeo è stato tra i protagonisti della promozione in Serie A del Pescara, ed ora il Napoli, che controlla l’intero cartellino, vorrebbe riportarlo a casa. Fino a qualche mese fa, il presidente De Laurentiis sembrava intenzionato a concedere un altro anno di apprendistato al suo gioiellino in prestito in Serie A, ma le prestazioni sempre più convincenti di Insigne in questo finale di stagione sembrano averlo convinto a farlo tornare subito a Napoli. Ferrara adesso teme che il suo pupillo possa non trovare lo spazio che merita con la maglia azzurra, come spesso accade ai giovani calciatori italiani quando approdano in un grande club:

“Sono convinto che Lorenzo può fare il salto di categoria, anzi lo ha conquistato sul campo con la promozione. Ha le qualità per giocare con i grandi: il livello della serie A è superiore ma lui ha esperienza anche con le Nazionali a livello europeo e anche quelle sono partite toste, quindi ormai ha una maturità tale per stare nel calcio che conta. Poi dipende dalle idee della società e del mister, sarebbe un peccato che Insigne tornasse senza però avere un ruolo da protagonista. Se il Napoli fa questa scelta è perchè ci crede e decide di dargli lo spazio che merita. Ci sono tanti stranieri giovani che giocano, non vedo perché Insigne non possa farlo”.

Ferrara ha parlato anche di un altro giovanissimo pescarese, Marco Verratti, che è nel mirino della Juventus e di altre grandi squadre. Il giovane regista è stato spesso paragonato da Andrea Pirlo negli ultimi mesi, ma per lui, al momento, Ferrara ha preferito ridimensionare paragoni importanti:

“È un paragone importante perchè Pirlo è uno dei più forti al mondo nel suo ruolo di sempre. Anche Verratti è partito trequartista e poi ha arretrato il suo gioco: certo, ha qualità tecniche, visione di gioco e personalità, ma solo il tempo dirà se può somigliare davvero ad Andrea.”

Foto | © TMNews