Siena - Varese: la partita che Mezzaroma voleva perdere

Massimo Mezzaroma, presidente Siena, accusato da Carobbio
Filippo Carobbio chiama in causa il presidente Massimo Mezzaroma e sono accuse (anche se indirette) molto pesanti. Stando al racconto dell'ex Siena una persona "vicina al presidente", di cui Carobbio "non ricorda il nome", avrebbe chiesto ai giocatori di perdere la partita contro il Varese del 24 Maggio 2011 perché lo stesso proprietario del club era intenzionato a scommettere sulla sconfitta della sua squadra per incassare una cospicua vincita. La proposta sarebbe stata fatta al portiere Ferdinando Coppola e Carobbio la racconta in un interrogatorio di fronte agli inquirenti di Cremona nell'ambito dell'inchiesta New Last Bet sul Calcioscommesse:

Qualche giorno prima della partita Siena-Varese Ferdinando Coppola entrò negli spogliatoi sbiancato in volto rappresentandoci che poco prima, all'esterno degli spogliatoi, era stato avvicinato da una persona vicina al presidente che gli aveva chiesto se c'era la possibilità di perdere la partita. Questa persona gli aveva detto che il presidente intendeva scommettere o aveva scommesso sulla nostra sconfitta. Intendo riferirmi al presidente Mezzaroma. La squadra oppose un netto rifiuto suggerendo al Coppola di rappresentare a chi lo aveva contattato di non aver voluto riferire la proposta ai giocatori in quanto lui stesso non era d'accordo. Ribadisco che il Coppola era quasi sconvolto.

L'accusa, anche se non circostanziata, è molto pesante perché chiama in causa le scommesse. Un alto dirigente che chiede ai propri giocatori di perdere (per di più nell'ottica di ottenerne un vantaggio economico) commette un reato penale e sportivo gravissimo. Ma di quale partita stiamo parlando? Siena - Varese del 23 maggio 2011, una gara con la squadra toscana già promossa e stravinta (5-0) dalla formazione di Antonio Conte che in quell'occasione salutò commosso il pubblico sapendo già che sarebbe finito ad allenare la Juventus nella stagione successiva.

Secondo Carobbio, che riferisce una confidenza di Stellini (il vice di Conte, oggi anch'esso nello staff tecnico dei piemontesi), anche lo staff tecnico avrebbe avuto lo stesso identico invito, ma si sarebbe rifiutato così come i giocatori. La questione diventa sempre più complessa da valutare anche perché a questo punto sfugge la ragione per la quale il Siena (giocatori e staff tecnico) si sarebbero rifiutati di perdere la partita con il Varese per poi perdere quella successiva con l'Albinoleffe come sostenuto da Carobbio.

  • shares
  • Mail