Europei 2012, Girone B: la scheda dell'Olanda

arjen robben

L'Olanda si presenta ai nastri di partenza di questo Europeo con il solito favore dei pronostici, non fosse altro per il secondo posto conquistato agli ultimi mondiali e per l'ottimo percorso che ha contraddistinto la sua fase di avvicinamento al torneo. D'altra parte la nazionale dei Paesi Bassi, quando ha partecipato, ha sempre superato il primo turno, con la sola eccezione a questa regola nel 1980, lo stesso discorso si può fare anche per quanto riguarda i Mondiali: in poche parole quando gli olandesi ci sono non stanno certo a guardare. Nel loro palmares figura la vittoria dell'Europeo del 1988, erano i tempi di Van Basten e Gullit, ma anche tre medaglie d'argento ai mondiali, l'ultima come detto due anni fa, e un bronzo agli Europei nel lontano 1976.

Il commissario tecnico degli Oranje dovrà fare a meno di Joris Mathijsen per almeno un paio di settimane, il difensore si è infortunato nel corso dell'amichevole persa contro la Bulgaria. Una defezione importante, come sottolineato anche da Van Bommel in conferenza stampa dopo la sfida contro la Slovacchia che ha portato altre notizie non buone in chiave infortuni: durante la partita hanno accusato qualche problema anche Wilfred Bouma e Wesley Sneijder, per i due però non dovrebbe trattarsi di niente di particolarmente preoccupante. Al netto di questi incidenti di percorso la rosa dell'Olanda resta sicuramente di valore altissimo.

Il suo potenziale maggiore lo esprime nei reparti di centrocampo e attacco. Basti pensare che nella lista dei mediani è stata inserita gente del calibro di Sneijder e Van der Vaart, che saranno supportati da veri e propri mastini della linea mediana come Van Bommel e Nigel De Jong. È forse però l'attacco il reparto che più fa paura alle avversarie: Bert van Marwijk potrà contare su uno come Robben, che pur avendo dimostrato di non essere un rigorista impeccabile, resta sempre un giocatore pericolosissimo. E poi ci sono Van Persie, 37 gol stagionali in 48 partite con la maglia dell'Arsenal, e un rigenerato Huntelaar che quest'anno in Germania è stato capace di andare a rete ben 48 volte in altrettante occasioni avute. Se tutto questo non fosse sufficiente dalla panca potrebbero tornare utili Kuyt e Afellay. Snejder ha detto in conferenza stampa che l'Olanda punta a raggiungere la finale e, a differenza di due anni fa, a vincerla, l'obbiettivo non sembra essere fuori dalla loro portata.

Le qualificazioni

Il cammino dell'Olanda nelle qualificazioni è stato quasi perfetto, inserita nel Gruppo E ha concluso con 27 punti in 10 partite, questo significa che ne ha vinte nove e ne ha persa solo una. La sconfitta, tra l'altro, è arrivata all'ultima giornata a Stoccolma contro la Svezia, con la qualificazione già in tasca, c'è da dire che il gruppo (di cui facevano parte anche Ungheria, Finlandia, Moldova e San Marino) non era particolarmente proibitivo. A lasciare qualche perplessità sono i risultati delle amichevoli di avvicinamento, all'ultima vittoria contro la Slovacchia, si contrappone la sconfitta di qualche giorno fa contro la Bulgaria, la prima in casa dopo una serie di 19 risultati utili; alla vittoria a Wembley contro l'Inghilterra, fa da contraltare la sconfitta per 3-0 rimediata ad Amburgo contro la Germania a novembre.

I prossimi avversari

Il Girone B è forse il più duro di tutto il torneo, l'Olanda inaugurerà la sua avventura contro la Danimarca e fin da subito avrà l'obbligo di vincere se vorrà coltivare l'ambizione dei quarti di finale. Le due partite successive sono infatti molto più difficili: la prima la gioca mercoledì 13 giugno contro la Germania, i tedeschi come al solito sono tra i favoriti alla vittoria finale. Nella terza e ultima giornata gli arancioni si troveranno di fronte il Portogallo di Cristiano Ronaldo, anche per il lusitani valgono i soliti pronostici, potrebbero fare tutto e niente. Il pronostico vuole che a passare il turno siano Olanda e Germania, ma un passo falso potrebbe aprire scenari completamente nuovi, è importante non sottovalutare la Danimarca.

Sabato 9 giugno: Olanda - Danimarca, 19.00, Charkiv
Mercoledì 13 giugno: Olanda - Germania, 21.45, Charkiv
Domenica 17 giugno: Portogallo - Olanda, 21.45, Charkiv

La rosa dei 23

Portieri:
Tim Krul (Newcastle United FC), Maarten Stekelenburg (AS Roma), Michel Vorm (Swansea City AFC).

Difensori:
Khalid Boulahrouz (VfB Stuttgart), Wilfred Bouma (PSV Eindhoven), John Heitinga (Everton FC), Joris Mathijsen (Málaga CF), Ron Vlaar (Feyenoord), Gregory van der Wiel (AFC Ajax), Jetro Willems (PSV Eindhoven).

Centrocampisti:
Mark van Bommel (AC Milan), Nigel de Jong (Manchester City FC), Stijn Schaars (Sporting Clube de Portugal), Wesley Sneijder (FC Internazionale Milano), Kevin Strootman (PSV Eindhoven), Rafael van der Vaart (Tottenham Hotspur FC).

Attaccanti:
Ibrahim Afellay (FC Barcelona), Klaas-Jan Huntelaar (FC Schalke 04), Luuk de Jong (FC Twente), Dirk Kuyt (Liverpool FC), Luciano Narsingh (sc Heerenveen), Robin van Persie (Arsenal FC), Arjen Robben (FC Bayern München).

Allenatore:
Bert van Marwijk.

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail