Fuga da Viareggio

Senegalesi fuggiti


La notizia è passata in secondo piano e non poteva essere altrimenti, dal momento che a catalizzare l'attenzione sul Torneo di Viareggio, è stata nella giornata di ieri, la rissa scoppiata durante Genoa-Real Arroyo Seco, che ha portato, dopo 5 espulsioni in tra le fila argentine e la conseguente sospensione dell'incontro, all'aggressione dell'arbitro.

Ma il celebre torneo giovanile era stato precedentemente scosso da un'altra clamorosa notizia, annunciata lapidariamente dal sito ufficiale della manifestazione:

Sono fuggiti sei ragazzi senegalesi della società A.S.C. De Camberene.

I giocatori sono senza documenti e vestiti con l'abbigliamento sportivo; la società e il mister Berrettini hanno rivolto un appello alla stampa e alle televisioni per invitare i ragazzi a rientrare.

L'appello è rivolto anche e soprattutto alla comunità senegalese presente in Italia, affinché segnali la presenza sul territorio nazionale di questi giovani, che, ripetiamo, non hanno documenti con sé.


Il tecnico, l'italiano Paolo Berrettini, che li allena dallo scorso settembre, ha immediatamente diramato un appello per convincere i suoi giocatori a tornare indietro:

"Se tornano, nulla è cambiato nei loro confronti. So che alcuni di loro hanno parenti in Lombardia nelle zone del bresciano.

Mi dispiace che siano fuggiti, perché intorno a questi ragazzi è cresciuto l'interesse anche di qualche club italiano come la Lazio, il Siena, la Sampdoria, l'Udinese, il Mantova.

Voglio far sapere loro che li perdono"
.

La squadra scenderà ugualmente in campo contro la Cisco Roma nel recupero della prima giornata.

Una storia triste. Giovanissimi alla ricerca esasperata di qualcosa di migliore.

E glielo auguriamo qualcosa di migliore.

Qualunque cosa sia.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: