Roma - Lyon: sarà spettacolo?

Olympique Lyon L'avversario più pericoloso per la Roma si chiama Gerard Houllier.

Davvero un tecnico di rara intelligenza, l'uomo che guiderà domani i campioni di Francia del Lione agli ottavi di Champions League contro i giallorossi.

Intervistato in esclusiva, qualche giorno fa, dal Corriere dello Sport, si scopre un uomo di ingegno acuto, oltre che allenatore preparato e attento ai dettagli.

Inutile strappargli qualche anticipazione di natura tattica sul match di mercoledì prossimo: "Vi pare che a una settimana dalla partita vengo a dire come giocherò?", ma una cosa la promette: "Abbiamo un dovere preciso nei confronti del pubblico che verrà allo stadio: fare spettacolo".

Ma uno spettacolo finalizzato a portare a casa il risultato e non si faccia troppe illusioni la Roma di Spalletti: "Il periodo nero è alle spalle. Anzi, diciamo che si è trattato di una fase messa in preventivo. La nostra preparazione era mirata ad arrivare al massimo proprio per il doppio impegno contro i giallorossi".

I precedenti tra il tecnico francese e la Roma non sono di buon auspicio per i capitolini; in due occasioni il Liverpool da lui allenato eliminò l'allora squadra di Capello: gli ottavi di coppa Uefa 2000-2001 e la Champions dell'anno successivo.

In molti, a Lione, esultarono al momento del sorteggio; l'avversario più temuto dai penta campioni di Francia era la supersonica Inter di Mancini.

Ma Houllier si guarda bene dal cadere nel facile tranello: "Quando si arriva gli ottavi c'è grande equilibrio.

La Roma è dietro ai nerazzurri in campionato, ma esprime un calcio più spettacolare. Quello che mi colpisce della squadra di Spalletti è la capacità di fare gioco senza perdere l'equilibrio in fase difensiva".


Chissà se sarà rimasto della stessa idea dopo aver assistito alla debacle contro l'Empoli.

Attenzione Roma.

  • shares
  • Mail
61 commenti Aggiorna
Ordina: