Beckham dice addio al sogno olimpico, non è tra i convocati della Gran Bratagna

Il centrocampista dei Los Angeles Galaxy deve abbandonare il sogno di partecipare alle Olimpiadi di Londra 2012, Stuart Pearce ha reso noto che non farà parte della nazionale della Gran Bretagna.

Non sembravano esserci dubbi sulla presenza di David Beckham alle Olimpiadi di Londra, il centrocampista ha fatto anche da tedoforo ed è stato uno dei più impegnati a sostenere la candidatura della capitale inglese negli scorsi anni, all’ultimo momento però Stuart Pearce ha deciso di fare a meno di lui. Il regolamento prevede l’inserimento di tre calciatori di età superiore ai 23 anni, sicuri di avere un posto fin dall’inizio erano Ryan Giggs e Craig Bellamy, il terzo posto sembrava potesse essere occupato dalla stella dei Los Angeles Galaxy.

Il selezionatore della Gran Bretagna è volato anche in California per accertarsi dello stato di forma dello Spice Boy, all’ultimo momento però sono prevalse le ragioni tattiche: c’era bisogno di un difensore e così Pearce ha scelto Micah Richards, sarà lui a completare la rosa di 18 elementi. David Beckham ovviamente ci sperava e non nasconde la sua delusione, ma assicura che tiferà assolutamente per questa inedita nazionale britannica e si augura che alla fine possa arrivare alla medaglia d’oro:

“Tutti sanno quanto giocare per il mio paese sia sempre stato importante per me. Quindi sarei stato onorato di far parte di questa nazionale britannica. Ovviamente sono molto dispiaciuto, ma non ci sarà nessun tifoso più appassionato di me e, come tutti, spero che riescano a vincere l’oro. Da londinese sono molto orgoglioso di aver fatto la mia piccola parte per portare le Olimpiadi a Londra e non vedo l’ora che questi giochi comincino per godermi ogni singolo momento con il resto della Gran Bretagna”

Sfumata l’occasione olimpica, Beckham a 37 anni può dire conclusa la sua esperienza da giocatore della nazionale: la sua ultima esperienza con la maglia dell’Inghilterra risale al 2009 e Londra 2012 sarebbe stato il coronamento di una carriera assolutamente eccezionale. La Gran Bretagna proverà a fare bene anche senza di lui, in compenso c’è un altro fuoriclasse del calibro di Giggs, sulla sua strada verso l’oro troverà come primi ostacoli l’Uruguay, il Senegal e gli Emirati Arabi Uniti.

Foto | © TMNews

I Video di Calcioblog