Serie B: dietro la Juve è bagarre

La capolista se ne va: la Juventus vince una gara non esaltante all’Adriatico di Pescara grazie a un guizzo di Birindelli, abile a deviare in rete un angolo di Palladino. Entrambi erano entrati nel secondo tempo per vivacizzare una squadra con Del Piero nervoso (e in più s’è fatto parare un rigore da Polito nella

La capolista se ne va: la Juventus vince una gara non esaltante all’Adriatico di Pescara grazie a un guizzo di Birindelli, abile a deviare in rete un angolo di Palladino. Entrambi erano entrati nel secondo tempo per vivacizzare una squadra con Del Piero nervoso (e in più s’è fatto parare un rigore da Polito nella prima frazione), Nedved impreciso, Zalayeta macchinoso e Marchionni discontinuo. I bianconeri hanno ora 6 punti sul Genoa, secondo a quota 52 punti (ma con una partita in più), vittorioso ieri sera contro l’Albinoleffe grazie a un gol di Gasparetto.
A 50 punti un quartetto terribile: a sorpresa il Rimini che liquida il Treviso con Jeda e Matri, il Bologna che non va oltre l’1-1 ad Arezzo (Marazzina e Martinetti), il Napoli fermato sul pari al San Paolo dal Bari (gran gol del giovane Eramo per i pugliesi, pareggio di Bogliacino sul finale) e il Piacenza, caduto malamente al Via del Mare contro il Lecce (Tiribocchi).

Staccato di due lunghezze il Mantova, capace di rimontare contro il Brescia (a Possanzini ha risposto la doppietta di Caridi) e poi, via via, tutte le altre, come il Cesena, capitolato a Frosinone con un netto 4-1 (Margiotta, Castillo e due volte Lodi per i ciociari, Bracaletti per i romagnoli), e il Vicenza, ieri pomeriggio vittorioso sullo Spezia grazie al solito Schwoch.
In coda importante vittoria del Modena sul Crotone (3-2 e girandola di emozioni, doppiette di Lopez per i pitagorici e Colacone per i canarini e gol vittoria all’ultimo minuto del modenese Sforzini) e 1-1 tra Triestina e Verona (perla di Guarente per gli scaligeri, Allegretti su rigore ha aggiustato la situazione).