Villas Boas riparte dal Tottenham

André Villas Boas resterà in Premier League nonostante il pessimo lavoro svolto al Chelsea. Il Tottenham ha deciso di dargli fiducia facendogli firmare un contratto di 3 anni da 3,5 milioni di euro a stagione. Praticamente il portoghese percepirà uno stipendio più alto di quello di Antonio Conte e di Massimiliano Allegri, nonostante i travagliatissimi 6 mesi vissuti sulla panchina della squadra di Abramovic. Niente Serie A quindi per il portoghese che era stato corteggiato anche da Roma ed Inter sia nella passata estate che in questa, prima del ritorno di Zeman a Roma e della conferma di Stramaccioni sulla panchina nerazzurra.

Il magnate russo per aggiudicarsi le sue prestazioni aveva versato 13,3 milioni di sterline nelle casse del Porto, salvo poi esonerarlo il 4 Marzo scorso a causa del 3-1 subito sul campo del Napoli in Champions League. Al suo posto alla guida dei blues venne nominato Roberto Di Matteo che in poco più di tre mesi è riuscito a vincere FA Cup e soprattutto la Champions League che il presidente russo ha desiderato di conquistare dal primo giorno da presidente di una squadra di calcio.

Alla base del divorzio tra il portoghese ed il Chelsea c'era anche un rapporto molto brutto tra l'allenatore ed i giocatori, che fin dai primi giorni non hanno apprezzato i suoi metodi di lavoro. Nonostante tutto questo, il Tottenham ha deciso di puntare ugualmente sul presunto erede di José Mourinho che comunque ha ancora appena 34 anni e soprattutto ottime credenziali grazie al 'triplete' conquistato nella stagione 2010/2011 con il Porto. Certamente il lavoro di Villas Boas non sarà facile perché dovrà sostituire al meglio Harry Redknapp, dimessosi lo scorso 13 giugno, molto amato dai tifosi degli spurs.

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail