Sampdoria, Garrone jr. su Ferrara: "Faccia pulita del calcio"

Giovedì mattina la Sampdoria presenterà il suo nuovo allenatore Ciro Ferrara che ha così lasciato di soppiatto la panchina dell'Under 21 per abbracciare la famiglia Garrone e il popolo blucerchiato; gli azzurrini dunque sono al momento orfani di un commissario tecnico e in Federazione stanno pensando a un sostituto con Gigi Di Biagio e Devis Mangia candidati numero per il dopo Ferrara. Quel che è certo è dopo l'esperienza non felicissima in qualità di allenatore della Juve e il più che positivo periodo con l'Under 21 dell'Italia, per l'ex difensore napoletano è arrivata l'ora di dimostrare a se stesso e agli altri che carriera da allenatore farà; a sentire le parole di Edoardo Garrone, vicepresidente della Samp, rilasciate a Radiosportiva la fiducia riposta in lui è tanta e proprio con Ferrara i liguri vogliono aprire un ciclo:

"Con Benitez abbiamo avuto un contatto ma poi il rapporto non si è concretizzato. Ciro Ferrara non è stata certo una scelta di ripiego. Abbiamo pensato a lui perché è stato un grande campione e rappresenta la faccia pulita del calcio e siamo convinti di poter partire insieme per un progetto importante. Con lui siamo pronti per condividere tutte le scelte del mercato e un nuovo ciclo. Perché l´addio con Iachini? A lui dobbiamo molto per il gran lavoro che ha svolto, ma per un progetto a lungo termine abbiamo pensato ad una scelta diversa. Comunque ci siamo lasciati con grande rispetto".

A leggere le dichiarazioni di Iachini non è proprio così ("Non sempre vince la meritocrazia"), ma tant'è a Corte Lambruschini è cominciata una nuova era:

"Il modello da imitare? L´Udinese. E´ un club che da 20 anni lavora sul settore giovanile ed è un esempiuo da seguire. La Samp non può lavorare come le stesse forze grandi, ma può crescere e fare punti con le migliori risorse professionali. In questo senso vorremo cercare di imitare il lavoro incentrato sui giovani portato avanti dall´Udinese. Per tornare in serie A abbiamo investito in risorse umane e organizzative. Respingiamo ogni voce che aveva parlato di una retrocessione manovrata, sono solo voci infondate. Abbiamo sempre lavorato per tornare al massimo calcio. Grazie anche a Pasquale Sensibile che ha fatto un grande lavoro, soprattutto nel seguire la squadra nelle difficoltà: con tre promozioni e anche lo scudetto quest´anno conquistato dagli allievi nazionali ha dimostrato di saper mettere a futuro un gran lavoro".


Garrone jr. non si nasconde quando gli si chiede di un eventuale ritorno di Cassano e di Pazzini per riformare quella formidabile coppia-gol che aveva portato in Champions la Samp:

"Cassano ha espresso di tornare a Genoa, città e piazza a cui è molto legato, anche se adesso i tempi non sono maturi. Anche Pazzini è rimasto nel cuore dei nostri tifosi, ma inanzitutto dipenderà dalla volontà dell´Inter".

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail