Blues-Reds 1-0

La semifinale tutta inglese della Champions League ha compiuto il primo atto nello Stanford Bridge di Londra dove il Chelsea di Mourinho ha battuto il Liverpool di Benitez con un meritato 1-0. Non lo spettacolo di 24 ore prima all'Old Trafford, ma comunque gara di grande intensità in cui nel primo tempo i padroni di casa hanno letteralmente surclassato Gerrard e soci: il vantaggio arriva al 28' dopo un'azione che ha mostrato intelligenza, potenza fisica e tempismo. Carvalho ha rubato una palla nella propria difesa e ha atteso il momento giusto per lanciare sulla destra Drogba; l'ivoriano ha cavalcato verso l'area di rigore gomito a gomito con Agger che ha superato con destrezza salvo poi mettere un delizioso pallone al centro che Joe Cole ha spinto al volo alla sinistra di Reina.

Il primo tempo, anche grazie ad una inspiegabile bocciatura a Crouch da parte di Benitez, s'è chiuso coi Blues avanti e col Liverpool incapace di impensierire Cech con Bellamy e Kuyt (l'olandese ha corso comunque tantissimo). Nella ripresa però il tecnico spagnolo ha inserito il dinoccolato attaccante inglese e la squadra ha iniziato a giocare chiaramente meglio sfruttando anche i centimetri di Crouch e la solita sagacia tattica di Gerrard che è riuscito anche ad impensierire Cech con un bel tiro da fuori; tuttavia il Chelsea sornione non ha abbassato la guardia, sfiorando anche il 2-0 con Lampard nel finale. Al triplice fischio di Merk, tedesco, l'impressione è stata che fra 6 giorni all'Anfield Road sarà battaglia, con un pronostico tutt'altro che scontato.

Da segnalare l'abulia di Shevchenko, partito più o meno bene ma poi letteralmente sparito alla distanza, sostituito giustamente da Kalou nella ripresa.

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: