David Beckham perde la testa in campo: per lui squalifica e multa

Solitamente David Beckham è un giocatore molto corretto, gli capita però a volte di perdere la testa e di diventare protagonista in campo per fatti che vanno oltre le sue giocate sopraffine. È quello che gli è successo sabato scorso, nel finale della partita di campionato contro San Jose con i suoi Los Angeles Galaxy in svantaggio per 4-3, quando ha scagliato il pallone contro un avversario a terra colpevole, secondo l'inglese, di aver esagerato le conseguenze di un infortunio per lasciar scorrere i minuti.

Sugli sviluppi di un'azione da calcio d'angolo per i Galaxy si scontrano DeLaGarza e Cronin, con quest'ultimo che sembra aver avuto la peggio dopo aver subito un colpo alla testa. L'arbitro, rispettando il regolamento, ferma il gioco per accertarsi delle condizioni del giocatore di San Jose, mentre Beckham aspetta a bordo campo che la partita riprenda per poter battere la rimessa laterale. La sua pazienza però si esaurisce in fretta e così decide di scagliare il pallone verso l'avversario, mancando di pochi centimetri il direttore di gara.

Si scatena un parapiglia e lo Spice Boy rimedia un cartellino giallo, una punizione neanche tanto severa, per comportamento antisportivo. La partita riprende e il risultato non cambia, in compenso Beckham non si è completamente calmato e dopo il fischio finale prova a saltare addosso alla mascotte avversaria, per fortuna i compagni riescono a trattenerlo. Il centrocampista era diffidato e per questo è stato squalificato per una giornata, in più gli è stata comminata una multa, la cifra non è stata resa nota, per "la sua condotta è stata inaccettabile e dannosa per l'immagine pubblica della lega".

Beckham sconterà la squalifica domenica prossima contro i Chicago Fire, la multa non dovrebbe rappresentare un grosso grattacapo considerando il suo conto in banca. A margine una riflessione: il suo gesto è stato sicuramente deprecabile, un esempio pessimo per i bambini che guardano a lui come un campione a cui ispirarsi, ma vogliamo dire qualcosa a proposito della precisione del suo piede? L'inglese ha dimostrato, se pure ce ne fosse bisogno, che il suo destro è ancora un patrimonio del calcio mondiale.

  • shares
  • Mail