Milan, Mario Balotelli scrive una lettera a Verissimo: "Vorrei vivere come una persona normale"

Il calciatore, protagonista della prossima puntata del programma di Canale 5.

Mario Balotelli, dopo le recentissime dichiarazioni con le quali ha manifestato la volontà di diventare il trascinatore del Milan costretto a migliorare la sua situazione in classifica, sarà protagonista della prossima puntata del programma televisivo Verissimo, in onda ogni sabato pomeriggio su Canale 5. L'attaccante del Milan, infatti, ha deciso di scrivere una lettera che verrà interamente letta durante la trasmissione dalla conduttrice Silvia Toffanin.

Dopo aver parzialmente ammesso le sue colpe per quanto riguarda alcuni atteggiamenti mostrati dentro e fuori dal campo, il numero 45 rossonero, però, si è anche giustificato, ribadendo praticamente quanto detto dal suo agente, Mino Raiola, qualche mese fa. Balotelli, infatti, ha dichiarato che la pressione mediatica nei suoi confronti è decisamente forte e che il suo sogno sarebbe quello di ritornare nella normalità.

Questo è il passo principale della lettera che il calciatore ha inviato al programma Verissimo:

Vorrei vivere come una persona normale. Il periodo è molto movimentato, soprattutto per quel che mi riguarda. Molte volte ogni mio gesto, anche un semplice tweet dedicato a un amico vero, un lottatore, uno sportivo sano come me, viene utilizzato per seconde letture, doppi fini che non mi interessano.

Il riferimento è al famoso tweet con su scritto "This is the end", pubblicato al termine del drammatico pareggio interno dei rossoneri contro un Genoa ridotto in dieci. Il tweet, a dire il vero parecchio equivocabile, in realtà era rivolto al lottatore armeno, amico di Balotelli, Giorgio Petrosyan.

Balotelli, però, ha esteso il discorso più in generale, dichiarando che all'estero la pressione dei giornalisti nei suoi confronti era nettamente minore rispetto a quella che subisce nel suo paese.

Il calciatore rossonero, inoltre, ha affermato che all'estero lo vedono in un modo diverso altrimenti non si spiegherebbe, in questo senso, la nomina del Time che l'ha eletto tra i cento personaggi più influenti nel mondo.

Balotelli, infine, ha concluso la missiva, ammettendo la sua fortuna nell'essere diventato un calciatore di successo ad un'età giovanissima. Il precitato e costante assalto dei media nei suoi confronti, però, rovina tutto ed è a quel punto che Balotelli viene assalito da questa "strana" voglia di normalità, che in molti al suo posto non vorrebbero di certo avere.

Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: