Premier: dramma Sheffield Utd

Inusuale turno domenicale nell’ultima giornata di Premier League, campionato che aveva già emesso i suoi verdetti nelle zone alte della graduatoria ma che ha saputo comunque regalare emozioni negli ultimi 90 minuti. E’ infatti in coda che è accaduto l’incredibile: già retrocesse le due londinesi Charlton e Watford, si contendevano l’ultimo posto verso la serie



Inusuale turno domenicale nell’ultima giornata di Premier League, campionato che aveva già emesso i suoi verdetti nelle zone alte della graduatoria ma che ha saputo comunque regalare emozioni negli ultimi 90 minuti. E’ infatti in coda che è accaduto l’incredibile: già retrocesse le due londinesi Charlton e Watford, si contendevano l’ultimo posto verso la serie cadetta il Wigan (35 punti), lo Sheffield United (38) e il West Ham (38). A vedere la classifica pochi avrebbero scommesso sulla salvezza del Wigan, ma proprio sul campo dei biancorossi dello Sheffield, Heskey e soci hanno fatto l’exploit vincendo 1-2 (rigore decisivo siglato da Unsworth) e agguantando così in classifica proprio gli sconfitti. Per la differenza reti (migliore per un gol appena) condannato è stato lo Sheffield United, anche perché il West Ham ha espugnato l’Old Trafford con un gol di Carlitos Tevez nella prima frazione: se gli Hammers avessero perso (e sarebbero quindi rimasti a quota 38), sarebbero scesi loro sempre a causa della peggior differenza reti.

L’incerta bagarre per la Uefa s’è risolta a favore di Tottenham, Everton e Bolton (appannaggio di un volenteroso Reading), mentre come tutti sanno i posti Champions sono già assegnati da tempo: Manchester United (campione d’Inghilterra) e Chelsea accederanno direttamente in Coppa Campioni, Liverpool e Arsenal lo faranno attraverso le qualificazioni.
Capocannoniere della manifestazione Didier Drogba: 20 centri per lui senza battere neanche un rigore!