Gli auguri di Natale e di buon anno dal Torino | Video

Gli auguri dei granata

E' stato pubblicato sulle pagine del sito ufficiale del Torino un video lungo otto minuti e mezzo in cui i giocatori, lo staff tecnico e il presidente Urbano Cairo rivolgono ai tifosi granata e a tutti gli appassionati di calcio gli auguri di Natale e di un felice anno nuovo. La squadra allenata da Giampiero Ventura sta disputando un ottimo campionato e con 25 punti conquistati può guardare con una certa serenità agli impegni del 2014. "Il 2013 è stato un anno positivo per il Torino. Speriamo di continuare così in un 2014 ricco di soddisfazioni per tutti", afferma Urbano Cairo.

"E' stato un bel 2013, stiamo facendo un ottimo campionato - gli fa eco capitan Glik - speriamo di continuare così". Sulla stessa lunghezza d'onda gli altri giocatori: "Per me è il primo Natale granata - dice Immobile, autore domenica scorsa di una doppietta - speriamo di continuare così e di dare altre soddisfazioni ai nostri tifosi". Intervistato da Sky Sport 24, Urbano Cairo, ha commentato il rendimento e le caratteristiche di Alessio Cerci con un paragone "giornalistico" e da incensato Ventura prima di parlare del nuovo Filadelfia:

"Sono davvero contento dei risultati raggiunti, ma soprattutto del percorso graduale con cui li abbiamo raggiunti. Cerci il mio Mentana? Lo vedo più come Crozza, ha quelle giocate da fantasista che ricordano più Crozza. È una operazione nata l'anno scorso, l'abbiamo voluto al Torino vista la presenza di Ventura, che già l'aveva avuto a Pisa. In estate abbiamo riscattato la comproprietà e lui è stato ben felice di restare qui ritenendo chiusa la sua parentesi a Firenze. Ma secondo me può fare ancora molto meglio, anche in questo anno e mezzo al Toro ha fatto le cose più belle della sua carriera, raggiungendo anche la Nazionale. Ventura? È nato un rapporto molto stretto con il mister e con Petrachi, che mi ha suggerito di prendere appunto Ventura, conoscendolo bene. Con lui ho trovato un bell'equilibrio, le cose stanno andando bene. L'obiettivo è di avere un rapporto di lunga durata, come in tutte le mie aziende. Nuovo Filadelfia? Siamo vicini alla posa della prima pietra, grazie al sindaco Fassino, al Torino e ai suoi tifosi. Credo che il Torino rappresenti oggi una squadra molto simpatica, c'è tanta gente che non conosco che mi ferma per strada dicendomi che il Toro è la propria seconda squadra. Per me il Torino è la squadra che i miei genitori mi hanno insegnato a tifare, e che oggi mi coinvolge ancora di più da presidente che cerca di fare qualcosa per il Toro, non demordo dopo otto anni e mezzo e voglio fare ancora di più".

Proprio Alessio Cerci, ospite di Tiki Taka, trasmissione in onda su Mediaset ha parlato del suo futuro: "Per la Champions mi sento pronto. Sono maturato, penso sia il momento giusto per fare il salto di qualità. Ho voglia di arrivare, anche in vista del Mondiale. La Roma? Non è un segreto tornare dove sono cresciuto: ora sogno però un gol alla Juventus". Capitolo mercato: l'obiettivo di mercato Jaime Valdes sembra è in procinto di lasciare Parma, ma per tornare in patria, dopo ben 14 anni trascorsi in Europa (quasi tutti in Italia, tra Bari, Fiorentina, Lecce, Atalanta e il club gialloblù, esclusa la parentesi allo Sporting Lisbona nel 2010/11). Indosserà la maglia del Colo Colo.

  • shares
  • Mail