Mercato, passi avanti per Iturbe alla Roma a giugno


Juan Manuel Iturbe è il volto nuovo della Serie A e non si capisce se l'esplosione a Verona del talentino argentino sia dovuta alle sue effettive qualità o al sempre più evidente decadimento tecnico del nostro campionato; in ogni modo il 20enne di Buenos Aires ha trovato la fiducia di mister Mandorlini, l'affetto del mondo Hellas e una continuità di rendimento che ha consentito ai veneti di approcciare alle feste natalizie con un incredibile sesto posto in classifica. Iturbe, genitori paraguaiani ma nato nella capitale argentina, mosse i primi passi nel Cerro Porteno,in Paraguay, da dove il Porto lo prelevò nel 2011 per 4 milioni di euro dopo un ottimo Sub 20 nel gennaio dello stesso anno.

In Portogallo il talentuoso esterno offensivo non ha mai trovato la sua dimensione, tardando quindi la consacrazione che pure pareva nell'aria; l'inverno scorso andò in prestito al River Plate, tre gol e buone cose al Monumental, quindi il nuovo prestito in estate al Verona del duo Setti (proprietario) - Sogliano (direttore sportivo), un'acquisizione a costo zero per una stagione con diritto di riscatto fissato a 15 milioni. Cifra troppo alta per gli scaligeri, ma questo "diritto" può far muovere altri club nostrani che verrebbero in aiuto ai gialloblu per poi imbastire una trattativa "tutta italiana"; è lo scenario che vuole prefigurare la Roma di Walter Sabatini, un'indiscrezione confermata dal tecnico Luis Garcia:

"Ha delle qualità e noi abbiamo bisogno in futuro di un mancino davanti. Forse arriverà a fine stagione. Ma certo è uno che guardiamo".

Tredici presenze, di cui undici da titolare, quasi 1000 minuti in campo e 4 gol sono i numeri del talentino di Buenos Aires con la maglia dei veronesi, numeri a cui bisogna aggiungere tecnica da sudamericano brevilineo, abilità assoluta nei calci da fermo e ottima propensione alla corsa e al dinamismo. Un prospetto che anche secondo Maurizio Setti potrebbe far comodo al sodalizio capitolino:

"Futuro nella Roma? Ha tutte le caratteristiche per diventare un campione, la Roma lo vede bene. A fine stagione valuteremo la soluzione migliore per noi e per il ragazzo".

Intanto però Iturbe dovrà pensare a confermarsi, solo dopo altre belle prestazioni sarà pensabile un esborso così esoso per strapparlo alle grinfie di quella bottega cara che risponde al nome di Futebol Clube do Porto.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail