Pugno a Ljajic, Delio Rossi chiede danni d'immagine alla Fiorentina

Delio Rossi ha deciso di chiedere i danni d’immagine alla Fiorentina per l’episodio che lo vide protagonista in negativo durante Fiorentina - Novara a maggio del 2012. Allora tecnico dei viola, Rossi ebbe un diverbio con l’attaccante Adem Ljajic (oggi alla Roma): il ragazzo non prese bene la sostituzione e disse qualche parola di troppo al mister che reagì aggredendolo e rifilandogli un pugno. Passarono poche ore e la Fiorentina decise di licenziare il tecnico per giusta causa: ora, proprio per quell’allontanamento, Delio Rossi chiede ai Della Valle 1 milione e 300 mila euro quali risarcimento per danni d’immagine e lavorativi. La Fiorentina paga? Niente affatto, perché il club viola risponde con la stessa moneta e chiede a Rossi i danni d’immagine causati alla società Toscana.

A distanza di un anno e mezzo, dunque, riprende la querelle tra Delio Rossi - qualche settimana fa esonerato dalla Sampdoria per far posto a Sinisa Mihajlovic - e la Fiorentina. La notizia della richiesta di risarcimento danni fatta da Delio Rossi è stata rilanciata per primo da Tgr Toscana: l’allenatore sostiene che nonostante il brutto gesto ai danni di Ljajic, non ci fossero gli estremi per il licenziamento per giusta causa. La somma richiesta dal tecnico si ottiene aggiungendo al milione e 100 mila euro per l’anno di contratto non rispettato più 200 mila euro per il danno di immagine per “la perdita di chance lavorative”.

La prima udienza in tribunale è andata a vuoto, poiché la Fiorentina tramite i suoi legali è passata al contrattacco, affermando che l’allontanamento era ben motivato dallo scontro fisico con un tesserato andato in onda in mondovisione. Per chi non lo ricordasse, in seguito a quel gesto, Delio Rossi fu squalificato per tre mesi, prima di tornare ad allenare sulla panchina della Sampdoria. La contro richiesta della società viola nei confronti del tecnico è di 1 milione di euro.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail