Juve-Roma: una vigilia sonnacchiosa


A campionato ormai sopito la sfida del Delle Alpi tra la Juventus e la Roma appare interessante soprattutto per gli interessi della squadra ospite che memore del successo in coppa Italia proprio a Torino appare intenzionata a dare il massimo per recuperare qualche punto nei confronti della Fiorentina, impegnata a San Siro con il Milan.

La vigilia è scivolata via più o meno liscia benché abbiano suscitato qualche perplessità le dichiarazioni di Capello che ha affermato che per andare a Roma deve contattare la Digos e che di certo non può prendersi un caffè in santa pace.

Parole su cui Luciano Spalletti minimizza concentrando la sua attenzione sull'aspetto agonistico della sfida, conscio che sebbene senza Totti, De Rossi e Chivu (oltre ai cronici assenti in attacco) la sua squadra saprà dimenticare le tre sconfitte subite in pochi giorni e potrà sperare in uno sgambetto alla Signora. In porta si rivede Doni, in difesa Kuffour, per il resto solito centrocampo robusto con Taddei unica eventuale punta.

Non lesina parole dolci verso i capitolini anche l'ex Fabio Capello che inonda di complimenti gli avversari e intima attenzione ai suoi ragazzi, forse già proiettati verso la sfida di martedì a Londra contro l'Arsenal per l'andata dei quarti di finale di Champions League. I dubbi di formazione provengono dalla difesa in cui forse potrà rifiatare Thuram per dar spazio a Kovac e dall'attacco dove il duo titolare dovrebbe essere composto da Trezeguet e Ibrahimovic benché Del Piero abbia recuperato dal piccolo infortunio patito in settimana.

Insomma, stasera non sarà un Juve-Roma simile a quella del 2001 in cui il 2-2 decise lo scudetto a favore dei giallorossi. Mancheranno Totti e probabilmente Del Piero. Ma sarà comunque Juve-Roma...

  • shares
  • Mail