Il Napoli ripensa a Matri due anni dopo

Le cosiddette "grandi" non stanno ferme, non possono stare ferme. E tra queste in Italia c'è ormai in modo consolidato il Napoli di De Laurentiis, che infatti muove già il mercato in vista dell'estate cercando di agire con anticipo, fissando gli obiettivi-base, quelli a completamento di un organico che ancora non soddisfa Benitez proprio in termini di scelte nei diversi ruoli del suo 4-2-3-1, che va perfezionandosi nel tempo.

Una delle questioni riguarda il centravanti, preso per buono che Duvan Zapata andrà a fare esperienza altrove almeno per un anno, contando in una crescita diversa da quella di Edu Vargas, che sembra esprimersi al meglio soltanto con la nazionale cilena.

ACF Fiorentina v Atalanta BC - Serie A

Bigon uno degli obiettivi l'ha già fissato, perché in ballo c'è il ruolo di vice-Higuain, puntando magari su un giocatore in grado di giocargli anche affianco in caso di necessità, dato che il Napoli non ha praticamente mai ribaltato un risultato quest'anno quando si è trovato in difficoltà a gara in corso: il nome caldo è quello di Alessandro Matri, sul quale la Fiorentina non vanta diritti di riscatto. Tra Napoli e Milan il discorso è ben avviato fin da quando tra le parti si è parlato a lungo del possibile scambio Constant-Armero.

Un ritorno su un vecchio obiettivo, si potrebbe dire, dato che la dirigenza partenopea provò a chiedere Matri alla Juventus nell'estate 2012, nonostante Cavani fosse ancora in rosa. Insomma, il giocatore piace, anche perché sul mercato non vale più di 8 milioni contro i 12 spesi dai rossoneri soltanto sei mesi fa prima di spedirlo alla corte di Montella in prestito.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: