L'Ibrahimovic furioso


Nel mare di trattative, smentite e affari estivi, ci si scorda a volte che un giocatore è soprattutto un uomo. E mentre tutti fantasticano sul futuro di Ibrahimovic nel Paris Saint Germain, lo svedese errante ha mostrato i suoi sentimenti al riguardo.

Apparso alla vista dei più, nervoso e pieno di rancore, Zlatan se la prende anche con un'affermazione di Galliani. Agli intimi avrebbe confidato la delusione di essere stato raggirato anche con la promessa della maglia numero 10. «L'ho promessa a Zlatan dall'agosto del 2010», raccontò a inizio giugno Adriano Galliani. «Che bisogno c'era di tirar fuori quella storia?», si chiede oggi incredulo Ibrahimovic.

Ciò che trapela è comunque la delusione dell'asso svedese, nel vedersi scaricato per la prima volta e costretto a scendere a patti con il mercato. Certo il suo bel guadagno in termini economici lo avrà certamente, ma sembra che in questa fase Zlatan debba provare sulla pelle che i soldi non sono tutto nella vita. Con la moglie che a Milano si era ben ambientata e una casa appena acquistata dirimpetto a Cassano e Sneijder, l'idea di un trasferimento farebbe perdere le staffe a molti, figurarsi a uno come Ibrahimovic.

Ma la delusione per il tradimento del Milan ha ben poco spazio soprattutto nella giornata di oggi, in cui dovrebbe esserci finalmente l'ok definitivo con il Paris Saint Germain. Raiola è già a Parigi da ieri, oggi dovrebbe avere l'incontro definitivo con Leonardo e a seguire l'acquisto verrà ufficializzato. Secondo Milannews, L'affare si farà per un ingaggio da 12 milioni di euro annui e Ibra è atteso nella giornata di domani nella capitale francese per le visite mediche. Restano da limare solo alcuni dettagli legati alla fiscalità in Francia, dato che Ibra vuole essere sicuro di guadagnare non meno di quanto gli assicurava il contratto col Milan. Quindi, al di là di rancori e rabbie, "les jeux sont fait". Come dovrà forse abituarsi a dire presto Zlatan.

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: