Calciomercato Milan – Tutte le Notizie e le voci del 18 luglio 2012


Dopo l'ufficialità di Ibrahimovic al PSG i rossoneri hanno un bel bottino da spendere. Ecco la rubrica del 18 luglio con tutte le notizie, notiziuole, voci, indiscrezioni e aggiornamenti sulle trattative di mercato del Milan. Tutte le notizie di oggi, con relativa fonte, aggiornate in tempo reale, minuto per minuto ad ogni novità significativa.

La Gazzetta dello sport ha lanciato l'allarme facendo notare come il Milan abbia 12 giocatori in meno dell'anno scorso. E li ha anche inseriti in una ipotetica formazione con tanto di riserva. Il Corriere invece mette in luce il triste balletto di dichiarazioni sull'incedibilità di Silva e Ibra, smentite clamorosamente. Da "Li teniamo al 100 %" si è passati a un "abbiamo guadagnato 150 milioni". Ma per Alberto Costa del Corriere, la vendita di Thiago Silva e Ibrahimovic per 62 milioni totali è stato un po' un "calarsi le braghe troppo presto", considerato che il PSG ha scucito 43 milioni per Pastore e 30 per Lavezzi.

Dzeko

Il Milan ancora indeciso su chi dei due attaccanti del Manchester City sia più interessante, può prendere spunto dalle decisioni di Mancini negli schieramenti in campo. Tra il sogno di Galliani Tevez e Dzeko, prima punta desiderata da allegri, la storica bandiera blucerchiata ha schierato l'argentino, lasciando Dezeko in tribuna. Considerando che i rossoneri devono prendere una direzione precisa su chi dei due portarsi in Italia, forse questo segnale dovrebbe interessare. L'ultima dichiarazione di Galliani in merito a Dzeko è di ovvio interesse. Ma il milanista si prende anche i suoi tempi, affermando che per acquistare un fuoriclasse c'è tempo fino al 31 agosto (tuttosport). Saranno così calmi e pazienti anche i tifosi?

Ambrosini

In un'intervista per I signori del calcio in onda su Sky, il capitano rossonero ha rivelato quali sono i suoi progetti: "Dopo il calcio non so cosa farò ho due o tre progetti. Mi sta prendendo voglia di allenare, magari i giovani, ma la mia mente è ancora da calciatore. Credo comunque sia giusto pensare al domani". Alcuni tifosi avranno forse tirato un sospiro di sollievo dato che ultimamente si sentono solo elementi che vanno via.

Inzaghi

Ancora indeciso se continuare a correre sui campi o passare al di là delle linee, Inzaghi ha intenzione di vagliare tutte le proposte prima di appendere gli scarpini al chiodo. Dopo l'offerta del Reading di due giorni fa, ora nell'aria c'è l'offerta del Granada, neo promossa nella prima serie della Liga. Intanto Superpippo accoglie l'offerta della famiglia Pozzo e la mette nel mazzo.

Cassano

Dal "io non so se resto il prossimo anno" dichiarato da Cassano durante gli Europei, il Corriere dello Sport afferma con certezza che il barese non vestirà più la maglia rossonera. In effetti i presupposti ci sono tutti ora che anche il suo grande amico Zlatan ha fatto le valigie, proprio dopo la "delittuosa" cessione di Thiago Silva. Rifiutate le offerte dalla Russia e dal Quatar, non sembra che ci siano offerte interessanti per il giocatore e la squadra. Cassano è sottocontratto fino al 2014, ma sognerebbe un ritorno in Samp. Oltre alle problematiche economiche dell'operazione, il barese dalla memoria troppo corta non ha forse messo a confronto i suoi desideri con la realtà dei fatti accaduti. A sciogliere ogni dubbio ci ha pensato il Edoardo Garrone che, pur romanzando sul bel rapporto con Cassano, ha commentato la notizia dicendo che sta bene al Milan e che un ritorno in Samp è tassativemente negato.

Kakà

Scrive l'edizione di oggi del Mundo Deportivo che Kakà è stato scaricato dal tecnico Mourinho. Una notizia che non ci fa cadere dalle nuvole e che probabilmente sarà stata presa di comune accordo, dato che fino a ieri era l'asso brasiliano a voler rescindere. In ogni caso, Kakà non rientra più nei piani del Real Madrid e, su consiglio dello stesso Mou, farebbe bene a cercarsi una valida squadra in vista dei mondiali del 2014. L'interesse più alto rimane quello del Milan e sicuramente il ritorno di Kakà sarebbe un bel finale di favola. Ma rimanendo con i piedi per terra, il maxi ingaggio del brasiliano sembra impossibile da pagare.

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail