Molinaro e Nocerino sono bianconeri

Giornata importante per il mercato italiano, oggi infatti si sono trattati molti dei contratti di comproprietà con rinnovi, cessioni e acquisti definitivi. La Juventus, con i suoi tanti giovani sparsi per la penisola, ovviamente ha avuto il suo da fare. Gran movimento c’è stato per quello che riguarda i terzini. La società ha infatti risolto



Giornata importante per il mercato italiano, oggi infatti si sono trattati molti dei contratti di comproprietà con rinnovi, cessioni e acquisti definitivi.
La Juventus, con i suoi tanti giovani sparsi per la penisola, ovviamente ha avuto il suo da fare.
Gran movimento c’è stato per quello che riguarda i terzini. La società ha infatti risolto a suo favore la comproprietà di Cristian Molinaro, promettente esterno di sinistra da due anni a Siena. La società sembra puntare molto su questo giocatore che si è messo in mostra in Toscana. Dotato di capacità tecniche discrete fa dell’agonismo e della corsa il suo punto di forza, chi lo ha visto all’opera nella città del Palio non può non essere rimasto piacevolmente colpito dalle sue innumerevoli scorribande sull’out di sinistra che spesso si concludono con pericolosi cross nel cuore dell’area avversaria. Il ragazzo deve affinare le sue qualità difensive ma i margini di miglioramento sono ampi.

Per un terzino che arriva ce n’è uno che parte, si tratta di Federico Balzaretti ceduto a titolo definitivo alla Fiorentina. Si è fatto apprezzare in maglia bianconera per la sua abnegazione e per la sua costante presenza nelle fasi calde del gioco, caratteristiche che gli hanno permesso di partire quasi sempre titolare in questa stagione di cadetteria nella quale ha anche segnato due reti.

A centrocampo è stato riscattato completamente il cartellino di Antonio Nocerino fino ad oggi in comproprietà con il Piacenza. Questo è un vero e proprio acquisto perché il giovane napoletano, classe ’85, è uno dei più promettenti talenti del calcio italiano. Quello che colpisce guardandolo all’opera è l’ottimo lavoro di interdizione a centrocampo associato a capacità tecniche apprezzabili (un Gattuso dai piedi buonicome lo definiscono in tanti). La sua ultima stagione in Emilia è stata favolosa, 37 presenze e 6 marcature per lui, tanto da farlo diventare uno dei punti fissi dell’Under 21 di Casiraghi, tornerà a Torino maturo dopo aver vestito la casacca bianconera delle giovanili dal 1999 al 2003.

Il difensore centrale Gastaldello, anche lui a Siena, torna alla casa madre come Molinaro e Nocerino, ma viene subito ceduto alla Sampdoria (a titolo definitivo), insieme al portiere Mirante, giunto a Genova in prestito. Ceduti a titolo definitivo anche Gasbarroni (Parma), Boudianski (Ascoli) e Sculli (Genoa).
Non è ancora il mercato che i tifosi aspettano ma il ritorno di questi giovani alla base non è comunque una cattiva notizia, aspettando, come sempre, i nomi che contano.

I Video di Calcioblog