Under21: L’Olanda si riconferma campione d’Europa

Dopo l’Europeo disputato e vinto in Portogallo, l’Olanda si riconferma campione d’Europa in ‘casa propria’. Gli ‘orange’ si sono imposti per 4 a 1 sulla Serbia in una partita combattuta in modo spregiudicato da tutte e due le parti. Le due squadre si sono affrontate a viso aperto fin da subito mettendo in mostra le



Dopo l’Europeo disputato e vinto in Portogallo, l’Olanda si riconferma campione d’Europa in ‘casa propria’.
Gli ‘orange’ si sono imposti per 4 a 1 sulla Serbia in una partita combattuta in modo spregiudicato da tutte e due le parti.
Le due squadre si sono affrontate a viso aperto fin da subito mettendo in mostra le proprietà tecniche e la velocità dei singoli.
Tra gli olandesi in particolare Drenthe e De Ridder hanno creato non pochi problemi alla retroguardia serba.
Proprio da De Ridder è partito il cross che ha permesso a Bakkal di controllare in area e segnare il vantaggio, complice però una disattenzione difensiva della Serbia.
Qualche minuto più tardi Kolarov colpisce in pieno il palo su punizione, e Waterman si ritrova il pallone tra le mani.
Nella ripresa parte bene la Serbia ma è proprio Waterman a salvare gli orange in più di un’occasione.
Poi però, al quarto d’ora, ancora De Ridder mette in mezzo un pallone che Tosiv riesce solo a sfiorare. La palla arriva a Babel che incrocia mettendo la palla nell’angolino.
Il 2 a 0 è pesante per la Serbia che prova a reagire. Ma Tolarov ci mette troppa veemenza e commette un fallo da tergo che gli costa il secondo giallo e la conseguente espulsione.
L’Olanda cerca di aumentare il vantaggio e ci riesce al 21′ quando Babel trova un bel filtrante che libera Rigters che solo davanti al portiere non sbaglia.
Pochi minuti più tardi Babel si procura un rigore che potrebbe portare l’Olanda sul 4 a 0 ma se lo fa parare da Kahriman.
Gol sbagliato, gol subito. Infatti la Serbia nella successiva incursione riesce a mettere in mezzo un pallone interessante che Mrdja gira a rete di testa.
Ma si tratta di un fuoco di paglia perchè la partita è ormai chiusa e lo ribadisce Bruins che sigla il 4 a 1 con un tap-in su invito del solito De Ridder.

Risultato forse un po’ troppo pesante per la Serbia che ha pagato care le disattenzioni difensive, dovute anche ad un Ivanovic nettamente sottotono.
Gli Olandesi riescono così a vincere come paese organizzante e portano a casa di nuovo la coppa.

I Video di Calcioblog