Caceres e Pepe vittime del trofeo Tim

La Juventus ha reso noti gli esiti degli esami medici per Caceres e Pepe, i due giocatori usciti malconci, vittime del San Nicola di Bari durante la partita del Trofeo Tim con il Milan. Si tratta di un mese di stop per il difensore uruguaiano e venti giorni per il centrocampista romano.

Tecnicamente i referti degli esami parlano di una lesione di primo-secondo grado del legamento collaterale mediale del ginocchio sinistro di Caceres e di lesione di primo grado del muscolo semimembranoso della coscia sinistra. Risultato: uno ginocchio, l'altro coscia e entrambi salteranno l'impegno di Supercoppa.

Ma a dare davvero fastidio in tutta questa faccenda è che la motivazione di questi due infortuni non è legata al fato, ma alle pessime condizioni del campo di gioco. Il terreno infatti, visibilmente malmesso, è stato anche oggetto di un intervento da parte del sindaco di Bari Michele Emiliano, che si è a sua volta chiesto: “Se non c’erano le condizioni per giocare, perché si è disputato il triangolare?”

Come sostiene lo stesso sindaco, la colpa non è da attribuire a responsabilità municipali, ma al club barese, che ha la gestione del terreno di gioco da 22 anni. Tra i due litiganti comunque, quella che se l'è presa in saccoccia è stata la Juventus, o meglio ancora, Caceres e Pepe.

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail