Poker per il Barcellona: è il turno di Milito

Lo aveva preannunciato stamattina il presidente del Barcellona, Joan Laporta, che la trattativa per Gabriel Milito si stava per chiudere positivamente. Laporta aveva dichiarato a ‘Radio Catalunya’: “Le cose vanno molto bene: dopo l’incontro di ieri, la trattativa potrebbe chiudersi anche questa mattina“. E infatti nel primo pomeriggio è arrivato l’annuncio: Gabriel Milito è del



Lo aveva preannunciato stamattina il presidente del Barcellona, Joan Laporta, che la trattativa per Gabriel Milito si stava per chiudere positivamente.
Laporta aveva dichiarato a ‘Radio Catalunya’: “Le cose vanno molto bene: dopo l’incontro di ieri, la trattativa potrebbe chiudersi anche questa mattina“.
E infatti nel primo pomeriggio è arrivato l’annuncio: Gabriel Milito è del Barcellona.
Al Saragozza verrà versata una cifra di circa 20 mln di euro, mentre il difensore argentino firmerà un quadriennale da 4 mln di euro a stagione con una clausola rescissoria fissata a 90 mln.
Il Barcellona è riuscito così a centrare tutti gli obiettivi e ha rinforzato tutti i reparti contando oltre a Milito le acquisizioni di Henry, Abidal e Yaya Toure.
Txiki Begiristain ha espresso tutta la sua soddisfazione per la trattativa: “Era l’opzione migliore per rinforzare la nostra difesa. Gabi è un ottimo centrale, era una delle priorità assolute. Lo conosciamo tutti. Sono quattro anni che sta giocando ad alti livelli”.

Il Barcellona, con gli acquisti di Milito e Abidal può considerare chiuso il mercato in entrata per quanto riguarda il reparto difensivo, ritirandosi così definitivamente dalla corsa per Chivu. Il difensore rumeno, dopo l’acquisto di Pepe da parte del Real Madrid, ha ora come unica pretendente la più gradita, ovvero l’Inter. La conclusione della trattativa con i neroazzurri è quindi questione di ore.

I Blaugrana ora si trovano con un organico davvero folto soprattutto in attacco. Riferendosi al quartetto Ronaldinho, Henry, Messi, Eto’o l’ex stella del Barcellona Cruyff ha avuto a dire: “Rijkaard non potrà giocare regolarmente con quattro stelle di prim’ordine in attacco. A volte potrà accadere, ma solo eccezionalmente. Dipenderà dal gioco, dal tempo e dal risultato ma solitamente ci sono tre posti per quattro giocatori. In futuro però ci sarà la Coppa d’Africa e alcuni giocatori si allontaneranno, senza contare gli infortuni”.