Calcioscommesse, la Diretta del Processo: Palazzi chiede 3 anni e mezzo per Bonucci e 1 per Pepe

Ore 18.22 - Le posizioni di Leonardo Bonucci, Simone Pepe e Salvatore Masiello verranno discusse soltanto domani mattina, le repliche dei difensori per la partita Udinese - Bari non troveranno spazio nell'udienza di oggi.

Ore 18.18 - Sono iniziate le requisitorie degli avvocati difensori. Primo a parlare il legale di Vives, all'epoca di Bari - Lecce in forza ai giallorossi, oggi al Torino. Per lui Palazzi ha chiesto tre anni e sei mesi (inspiegabili i 6 mesi più di Guberti o di altri a cui vengono contestati illeciti multipli con tanto di scambio di denaro). Il ruolo disegnato da Masiello per l'ex leccese sarebbe stato quello di "assenso finale" all'accordo prima della partita, ma l'avvocato Eduardo Chiacchio sottolinea come la stessa Procura di Bari abbia scagionato Vives da qualsiasi ruolo nella compravendita del match. Il giocatore rischia, di fatto, di chiudere la sua carriera per un presunto "segnale di assenso" non ancora identificato:

E' stato indagato, e quali sono state le risultanze? La valutazione conclusiva della procura di Bari, ecco l'atto insuperabile. Atti derivanti dalla procura della repubblica che ci consente di stare qui oggi, questi sono atti insuperabili e incontestabili. ricapitolando: equivocità, messaggio o segnale non chiarito. Nessuno sa neppure quale sia stato il segnale: la pacca sulla spalla è stata smentita da Andrea Masiello.

Ore 17.15 - Per riassumere il senso della requisitoria di Palazzi: Andrea Masiello è credibile, il Lecce merita la retrocessione perché ci fu la corruzione "indiretta" orchestrata dall'ex presidente Semeraro.

Per quanto riguarda Bonucci il fatto che lui fosse in Nazionale nella settimana che precedette quell'incontro non prova nulla, Masiello ha poi cambiato versione dicendo di aver fatto la proposta non durante gli allenamenti, ma sul pullman. Anche qui il fatto che Bonucci sostenga di non aver parlato con Masiello e di non averne avuto occasione perché sedevano in posti lontani fra loro è ritenuto non credibile perché gli altri citati dal "pentito" sono stati implicati anche in vicende legate ad altre partite. La deduzione logica è: "siccome Bonucci è incluso in una lista di persone, come Parisi e Belmonte, che hanno anche altre imputazioni allora Masiello non mente". Non conta che Iacovelli, in una recente intervista a Sky Sport, abbia sostenuto che il difensore della Juventus secondo le sue informazioni non c'entrava nulla e che su Udinese - Bari l'unico a guadagnarci e ad aver fatto tutto sarebbe stato lo stesso Andrea Masiello.

Per quanto riguarda Pepe la "prova" che la telefonata fra Salvatore Masiello e l'allora giocatore dell'Udinese sia avvenuta sta nel fatto che Andrea Masiello ricorda che la "scusa" usata dal compagno per chiamare Pepe era legata alla sua passione per la Ferrari, passione che il giocatore della Juve effettivamente ha.

Ricordiamo che nel racconto di Andrea Masiello la scena sarebbe stata questa: Salvatore Masiello telefona a Pepe, gli dice "ti interessa una Ferrari?", Pepe attacca senza rispondere. Omessa denuncia ed un anno di squalifica richiesta, il massimo della pena possibile per questo tipo di reato sportivo.

Ore 17.01 - Richieste di pena durissime per tutti i deferiti:

Bologna: -2 punti e 50 mila euro di ammenda
Lecce: retrocessione in Lega Pro e -6 punti
Udinese: 50mila euro
Bellavista: 9 mesi in continuazione
Belmonte: 4 anni
Bentivoglio: 3 anni e 6 mesi
Bonucci: 3 anni e 6 mesi
Di Vaio: 1 anno
Guberti: 3 anni
Masiello Salvatore: 3 anni e 6 mesi
Padelli: 3 anni
Pepe: 1 anno
Portanova: 3 anni
Semeraro: inibizione di 5 anni più richiesta di preclusione
Vives: 3 anni e 6 mesi

Ore 16.45 - Palazzi porta avanti la sua requisitoria, sostiene che "il solo aver dato la disponibilità ad una combine" vale l'illecito. Per questa ragione chiede tre anni e mezzo di squalifica per Leonardo Bonucci e 1 anno per Pepe.

Ora 13.00 - La Disciplinare si ritira per esaminare le richieste, la pausa dovrebbe durare circa un'ora. Al rientro in aula ci sarà ancora la possibilità di presentare altre richieste di patteggiamento. Il momento la posizione di Bonucci e Pepe è legata alla decisione di Salvatore Masiello: se l'ex giocatore del Bari (autore della telefonata a Pepe per proporre la combine rifiutata, secondo l'omonimo Andrea) patteggiasse potrebbe contestualmente confermare le accuse ai due, da qui la strategia "attendista" degli avvocati dei due juventini.

Ora 12.30 - Tanto per dare un'idea del "processo sportivo" secondo il Procuratore Federale. Gli avvocati di Bonucci e Pepe (Udinese - Bari), quelli di Di Vaio e Portanova (Bari - Bologna), quelli dell'ex presidente del Lecce Semeraro (Bari - Lecce) chiedono di portare all'attenzione della corte una serie di elementi come filmati della partita, testimonianze a discolpa. La risposta di Palazzi, che si oppone alle richieste, è la seguente: "Non abbiamo il tempo materiale per esaminare quegli atti, le indagini difensive quando non passano attraverso autorità giudiziaria ordinaria, non possono essere oggetto di vaglio in questa sede". In sostanza non si possono presentare prove per discolparsi, si possono soltanto dare per buoni i risultati dei risultati preliminari delle indagini del penale e le testimonianze acquisite dalla giustizia sportiva (che ha già deciso a chi credere e a chi no).

Ore 11.20 - Tutti i patteggiamenti vengono ritenuti congrui dalla Disciplinare. Mancano, come avrete notato, quelli di Pepe e Bonucci che a questo punto andranno a dibattimento.

Ore 11.00 - L'udienza è cominciata. Si parte con i patteggiamenti, tanti.
Alessandro Parisi (coinvolto in tre illeciti): 2 anni e 10mila euro
Siena: 80mila euro di multa che si aggiungono ai -5 punti e 20mila
Marco Rossi: 1 anno e 8 mesi e 20mila euro
Marco Esposito: 3 mesi e 10 giorni
Cristian Stellini: 6 mesi oltre ai 2 anni già patteggiati al primo processo
Carlo Gervasoni: 1 mese, in continuazione
Bortolo Mutti: 4 mesi
Guido Angelozzi: 4 mesi
Filippo Carobbio: 2 mesi in continuazione
Andrea Masiello: 2 anni, 3 mesi e 30 mila euro di ammenda
Bari: -5 punti e 80 mila euro
Sampdoria: -1 punto e 30mila euro

Le posizioni di Leonardo Bonucci e Simone Pepe, insieme agli altri deferiti sulla base delle carte del "filone barese" dell'inchiesta sul Calcioscommesse, saranno esaminate questa mattina dalla Disciplinare della Federcalcio presieduta da Sergio Artico. Seguiremo in diretta l'evolversi della giornata tenendovi aggiornati. Il 3 agosto 2012 rischia di essere una data indelebile nella memoria del centrale difensivo della Juventus, deferito per illecito sportivo ora rischia 3 anni di squalifica per quel Udinese - Bari 3-3 del 9 maggio 2010.

Dopo i fuochi d'artificio degli ultimi giorni, con il mancato patteggiamento di Antonio Conte per la bocciatura della Disciplinare e la decisione di Palazzi di richiedere un anno e tre mesi di squalifica, si rischia l'apertura di un nuovo scontro fra la Juventus di Andrea Agnelli e la FIGC dopo lo scambio di comunicati di oggi. Il presidente Agnelli rischia il deferimento per aver criticato "in maniera inaccettabile" la giustizia sportiva, chissà cosa dirà dopo che Stefano Palazzi pronuncerà la richiesta di una lunghissima squalifica per Bonucci.

Come ricorderete sono le parole di Andrea Masiello ad aver inguaiato l'allora compagno di squadra. Lui sostiene che Bonucci, insieme a Salvatore Masiello, Belmonte e Parisi, facesse parte di una tentata combine per quel match. Una versione smentita dal suo compagno di scommesse, l'infermiere Angelo Iacovelli, ma alla quale Palazzi sembra credere. L'inchiesta di Bari è, fra le altre cose, ancora in corso ed ha coinvolto anche l'interista Ranocchia (per il momento non deferito).

Sia Bonucci sia Simone Pepe non dovrebbero chiedere un patteggiamento salvo colpi di scena, anche se per ragioni diverse. Mentre Bonucci non "può permetterselo" (il deferimento per illecito sportivo prevede solo il patteggiamento con ammissione di colpa e lo lascerebbe comunque fuori almeno 2 anni dal calcio) Pepe preferisce affrontare il dibattimento convinto di non poter essere condannato sulla base delle prove contro di lui. L'allora giocatore dell'Udinese è accusato perché, sempre secondo Masiello, venne contattato al telefono per conoscere la "disponibilità" a taroccare la partita, ma chiuse la conversazione senza rispondere. Da qui, in ogni caso, l'omessa denuncia.


Le Accuse a Bonucci ed il deferimento

Leonardo Bonucci rischia 3 anni di squalifica nell'ambito dell'inchiesta sul Calcioscommesse.

In tutto, sono stati deferiti 13 club e 44 tesserati. Bonucci dovrà rispondere di un presunto tentato illecito sportivo. Qualora fosse provato, il difensore della Juventus e della nazionale (nell'immagine, in lacrime dopo la finale di Euro 2012 persa dall'Italia 4-0 contro la spagna) rischierebbe fino a 3 anni di squalifica.

L'incontro contestato a Bonucci è Udinese-Bari del 9 maggio 2010, terminato 3-3. Per lo stesso incontro è stato deferito un altro giocatore della Juventus, Simone Pepe, che però sarà chiamato a rispondere solamente di omessa denuncia. Esattamente come Antonio Conte.

Della partita in questione si parla fin dai tempi della convoncazione di Bonucci agli Europei.

In merito, c'è una confessione di un tentativo di combine da parte di Andrea Masiello, difensore del Bari: Simone Pepe avrebbe rifiutato – ma sarebbe stato a conoscenza del tentativo, da qui l'accusa di omessa denuncia –, Bonucci invece sarebbe stato coinvolto. Questi i termini della confessione:

«Io girai la proposta ai miei compagni di squadra trovando dei consensi. Ne parlai con Bonucci, Salvatore Masiello, Belmonte e Parisi. Arrivati ad Udine, Salvatore Masiello contattò telefonicamente Simone Pepe, giocatore dell’Udinese (ora alla Juve, ndr) chiedendogli ’se voleva acquistare una Ferrari’. Per quanto non avessimo raggiunto l’accordo con i calciatori dell’Udinese, almeno per quello che mi era stato riferito, io, Bonucci, Belmonte e Parisi giocammo per raggiungere il risultato a cui mirava Di Tullio, agevolando la segnatura di tre reti».

Il giocatore, però, si è sempre dichiarato estraneo alla questione.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: