Getafe: 'Primero està mi equipo'


Per pubblicizzare la campagna abbonamenti, i club calcistici se ne inventano davvero di tutte. È il caso del Getafe, che per convincere i tifosi a sottoscrivere l'abbonamento ha realizzato uno spot che ha fatto parecchio discutere.
Lo spot (che potete vedere nel video) mostra diversi personaggi biblici, tra cui Abraamo, Mosè e Gesù Cristo, pronti a rinnegare la loro fede in Dio a favore di quella nel proprio club, il Getafe appunto.
Le prevedibili polemiche non sono tardate ad arrivare. La notizia di questo video si è subito diffusa dando luogo a dibattiti e commenti, con da un lato chi ritiene che sia un semplice spot per il quale i cristiani non dovrebbero risentirsi , e dall'altro chi lo ritiene blasfemo.
Di quest'ultimo parere non poteva che essere la Chiesa, tanto che la diocesi di Getafe ha chiesto il ritiro dello spot.
Ma il presidente del Getafe, Angel Torres, non ritiene di aver sbagliato nel pubblicare questo video: "Mi dispiace che qualcuno si sia offeso ma noi non siamo d'accordo. Non era nostra intenzione sollevare questo polverone, ma crediamo si tratti di uno spot rispettoso di tutti".

Certo che, al di là della credenza religiosa e della valutazione che si può fare di questo spot, pensare che uno spot del genere 'non sollevi un polverone', a parer mio, è quantomeno da ingenui.
Diciamo che il più che prevedibile polverone farà parlare del Getafe molto più di quanto non sarebbe successo con uno spot normale e magari con un po più di buon gusto.

Però a questo punto vogliamo sapere anche cosa ne pensano i lettori di calcioblog e quindi pongo il quesito:

  • shares
  • Mail
18 commenti Aggiorna
Ordina: