Copa America: sarà Brasile-Argentina

Domenica sarà il “superclasico” Argentina-Brasile a decretare la squadra che alzerà al cielo la Coppa America. E’ finita come da pronostico e come tutti i tifosi imparziali si auguravano: la finale sarà tra le due squadre più blasonate, pù talentuose, più titolate, più rivali e semplicemente più forti. Dopo la vittoria ai rigori dei verdeoro,

di



Domenica sarà il “superclasico” Argentina-Brasile a decretare la squadra che alzerà al cielo la Coppa America. E’ finita come da pronostico e come tutti i tifosi imparziali si auguravano: la finale sarà tra le due squadre più blasonate, pù talentuose, più titolate, più rivali e semplicemente più forti. Dopo la vittoria ai rigori dei verdeoro, questa notte l’Argentina di Riquelme ha staccato il biglietto per la finalissima, battendo con un perentorio 3-0 il sorprendente e, sfortunatissimo Messico.
Ci sta la vittoria argentina che non ha sbagliato un colpo nei 90 minuti nè tantomeno nel torneo.
Si decide tutto in 20 minuti a cavallo dei due tempi: allo scadere del primo, il vantaggio firmato dal terzino del Manchester United, Heinze, con la collaborazione del portiere “verde” e poi, al 16esimo della ripresa chiude i conti il fenomeno Messi prima del sigillo del leader biacoazzurro Riquelme, su calcio di rigore, 4 minuti dopo.
Ottimo Messico che non meritava un passivo simile: 2 legni a corredo di una serata storta. Il primo ancora sullo 0-0 e il secondo (una traversa) sullo 0-1.
E allora Brasile-Argentina, come nel 2004 in Peru. Allora finì 3-0 per i pentacampeon.
C’è aria di rivincita.