Deferimento per Conte: Palazzi non crede a Carobbio (tranne quando accusa il tecnico)

Il procuratore Palazzi non crede a Carobbio, tranne quando questo accusa Conte. Tutti i fatti dopo la lettura dei deferimenti.I deferimenti per la seconda tranche dell'inchiesta sul Calcioscommesse sono arrivati questa mattina, come era nelle previsioni. Il Procuratore Federale Palazzi ha inviato alla Disciplinare i documenti che serviranno ad istruire il "processo" che partirà il prossimo 2 agosto. A fare rumore è, naturalmente, il coinvolgimento di Antonio Conte, allenatore della Juventus, all'epoca dei fatti tecnico del Siena. Come noto Conte è stato chiamato in causa da Filippo Carobbio, il "pentito", che militava nella Robur in quella stagione.

Le dichiarazioni di Carobbio, sia quelle di fronte alla Procura di Cremona sia quelle di fronte agli inquirenti sportivi erano note a tutti (grazie a copiose anticipazioni a mezzo stampa) e la domanda che ci si poneva era: "Palazzi crederà a Carobbio?". In caso di risposta affermativa ci si aspettava il deferimento di Conte, in caso di risposta negativa che l'allenatore bianconero venisse scagionato. Invece, almeno a leggere i deferimenti, non è andata così. Palazzi non crede a Carobbio, o almeno gli crede soltanto quando questo accusa Conte.

Vediamo nel dettaglio.

Novara - Siena

Per questa partita, terminata 2-2, Carobbio accusa direttamente Conte. Secondo il giocatore, l'allenatore avrebbe "rassicurato" i suoi sul fatto che "c'era un accordo per il pareggio con il Novara". Palazzi crede a questa circostanza, Conte era informato, ha omesso di denunciare il fatto e per questo è stato deferito.

Ma questo accordo fra chi era stato raggiunto? Carobbio, almeno in questo caso, non si auto-accusa della combine, ma il Procuratore non gli crede tant'è che lo deferisce per illecito sportivo. Insieme a lui ci sono gli allora compagni di squadra Roberto Vitiello e Marcello Larrondo, così come i tre calciatori del Novara Cristian Bertani, Davide Drascek e Mavillo Gheller.

Non è dato sapere come Palazzi giunga a questa conclusione, ma evidentemente ritiene che non ci sia l'accordo fra le società, bensì fra 6 calciatori. Interessante osservare come in quella gara, fra i deferiti, scesero in campo soltanto Vitiello da una parte e Bertani dall'altra mentre Larrondo entrò ad un quarto d'ora dalla fine. Drascek, Gheller e Carobbio si accomodarono in tribuna.

Nei verbali Carobbio racconta di essere stato contattato dai due "zingari" Gegic e Ilievski: gli slavi volevano un pareggio con un "over", quindi almeno 3 gol segnati. Il pentito dice di essersi chiamato fuori rifiutando la proposta. Racconta poi di aver visto Drascek e Vitiello parlare nell'albergo che ospitava il Siena, ma di non sapere cosa si siano detti, salvo poi riferire le parole di Conte che durante la riunione tecnica avrebbe spiegato ai suoi che un accordo con il Novara era già realtà.

Palazzi non gli crede, e lo accusa di aver taroccato la partita, con tutta probabilità appoggiandosi alle dichiarazioni dell'altro pentito, l'ex Piacenza Gervasoni, che aveva riferito agli inquirenti di aver avuto da Gegic la notizia che Carobbio si era accordato con Bertani per un "over" (quindi non per un pareggio). Il Procuratore Federale ritiene quindi il pentito che accusa Conte inattendibile, ma non per la parte che riguarda il famoso "annuncio" nella riunione tecnica, al punto da deferire sia l'allenatore bianconero, sia alcuni componenti del suo staff tecnico: il vice Angelo Alessio, Cristian Stellini e il preparatore dei portiere Marco Savorani.

Le parole di Carobbio sono carta straccia, almeno fino a quando non tirano in ballo Conte. C'è, fra l'altro, un'evidente anomalia: se l'omessa denuncia scatta per quanti erano presenti alla riunione tecnica perché non colpisce anche gli altri giocatori del Siena?

Se Alessio, Stellini e Savorani "omettono la denuncia", avendolo sentito dire da Conte, perché non sono coinvolti i calciatori che poi effettivamente scenderanno in campo e giocheranno la partita?

Mistero.

Albinoleffe - Siena

In questo caso Carobbio parla di un accordo per far vincere la partita all'Albinoleffe, che aveva bisogno di punti per salvarsi.

Palazzi deferisce Ruben Garlini, Davide Bombardini, Dario Passoni, Luigi Sala, tutti giocatori, e Mirko Poloni, vice allenatore di Emiliano Mondonico all'Albinoleffe. Per il Siena vengono deferiti lo stesso Carobbio, Fernando Coppola, Claudio Terzi, Roberto Vitiello, giocatori, e Cristian Stellini, collaboratore tecnico di Conte.

Questi soggetti si sarebbero incontrati, almeno secondo il racconto di Carobbio (confermato da Passoni), la sera prima della partita in albergo per concordare la combine. Poloni sostiene invece che l'accordo sarebbe arrivato direttamente nel tunnel degli spogliatoi, coinvolgendo soltanto i giocatori.

Per questa partita si attua lo stesso meccanismo della combine con il Novara. Conte ne avrebbe parlato nella riunione tecnica, nel farlo coinvolge anche il resto del suo staff: Alessio, Savorani e (novità) anche il preparatore atletico Giorgio D'Urbano. Nel documento della Procura Federale finisce anche Daniele Faggiano, capo osservatore tecnico, che lo avrebbe saputo da un colloquio personale con Carobbio. Anche qui nessuno dei giocatori presenti alla riunione viene deferito.

Guardando il tabellino della partita si scopre che nessuno dei giocatori dell'Albinoleffe deferiti partecipa alla gara, né in campo né in panchina, mentre nel Siena viene schierato solo Carobbio, con gli altri non presenti nel referto dell'arbitro. La logica vuole che se c'è un accordo per alterare una partita e tu accusi alcuni giocatori, che non scendono in campo, dovresti deferire quanto meno qualcuno di quelli che poi la gara la giocano effettivamente. Anche dal punto di vista pratico come è possibile che il vice di Mondonico, Poloni, alteri il match e il suo "primo" non sappia nulla? Niente da fare, per Palazzi va bene così.

Sempre per Albinoleffe - Siena Carobbio viene deferito per aver comunicato l'esito dell'accordo fra giocatori a Gervasoni e al suo compagno di squadra al Piacenza Mario Cassano che hanno scommesso sull'under (meno di tre gol segnati nel match) assicurandosi una vincita in denaro. Stesso discorso per Passoni; lui avrebbe comunicato all'esterno, ad un soggetto estraneo, che c'era l'accordo per far vincere la sua squadra, informazione utilizzata per scommettere "a colpo sicuro".

Questa circostanza si pone in evidente contraddizione e demolirebbe da sola la credibilità di Carobbio che ha sempre sostenuto di aver "chiuso con certi giri" nell'annata in cui era al Siena, salvo poi partecipare ad una combine e comunicare la circostanza ai due calciatori-scommettitori del Piacenza.

Siena - Varese

Questo caso è ancora più interessante per osservare la modalità, a corrente alternata, con la quale Palazzi crede a Carobbio soltanto su alcuni fatti e non su altri. Come ricorderete per la partita in oggetto il pentito aveva riferito che un "personaggio non identificato vicino al Presidente Mezzaroma" avrebbe detto a Carobbio e a Fernando Coppola di valutare la possibilità di perdere la partita così da poter piazzare una scommessa "sicura".

La circostanza è stata sempre smentita dagli altri giocatori, la partita finì 5-0 per il Siena e si ipotizzava che anche per questo match Conte venisse raggiunto dall'accusa di omessa denuncia. La teoria era: "Mezzaroma chiede ai suoi di perdere, loro rifiutano e in campo danno il massimo schiantando il Varese", quindi anche qui l'allenatore sapeva, si è opposto, ma non ha denunciato nulla.

In realtà Palazzi arriva ad una ricostruzione completamente diversa dai fatti. Per la partita vengono deferiti il calciatore del Varese Emanuele Pesoli e l'onnipresente Carlo Gervasoni. Secondo il Procuratore Federale il primo chiama il secondo perché "verifichi la disponibilità" del Siena a far concludere la partita in parità. Gervasoni chiama Carobbio, il quale rifiuta la proposta. Gli inquirenti della giustizia sportiva ritengono perciò colpevoli Pesoli e Gervasoni di tentato illecito sportivo e Carobbio di "omessa denuncia".

In questo modo il Presidente Mezzaroma ne esce completamente pulito (e con lui il Siena che avrebbe rischiato la responsabilità diretta e la retrocessione), ma risulta inspiegabile la ragione per la quale Carobbio in questo caso abbia mentito, raccontando di una proposta arrivata indirettamente dal massimo dirigente societario, salvo poi aver detto tutta la verità quando chiama in causa Conte. Anzi, a voler essere maligni, questo confermerebbe il "dente avvelenato" di Carobbio nei confronti della sua ex squadra che, alla fine di quella stagione, le cedette allo Spezia in Lega Pro.

Conclusioni

Palazzi non crede mai alla ricostruzione fornita dal pentito (anzi lo ritiene responsabile di entrambe le partite combinate, sia quella con il Novara che quella con l'Albinoleffe), non gli crede quando le sue parole coinvolgerebbero Mezzaroma, ma lo ritiene attendibile quando riferisce che l'attuale allenatore della Juventus era a conoscenza dei fatti, questo nonostante tutti gli altri interrogati abbiano smentito la circostanza.

L'ipotesi, a questo punto, può essere soltanto soltanto una: o nelle recenti audizioni è arrivata una "confessione" (di Conte o di qualcuno in grado di fornire un riscontro alle parole di Carobbio) o c'è da rimanere basiti di fronte a questi deferimenti.

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: