Altro ko per l’Inter

Dopo la sconfitta di Sabato contro il Valencia, l’Inter replica il ko contro l’Arsenal orfano di Henry, nell’ambito della Emirates Cup. Questa volta finisce 2-1 per gli inglesi dopo che erano stati i nerazzurri Campioni d’Italia a passare in vantaggio con il battesimo del goal di David Suazo. L’Inter soffre sin dall’inizio le offensive degli

di



Dopo la sconfitta di Sabato contro il Valencia, l’Inter replica il ko contro l’Arsenal orfano di Henry, nell’ambito della Emirates Cup. Questa volta finisce 2-1 per gli inglesi dopo che erano stati i nerazzurri Campioni d’Italia a passare in vantaggio con il battesimo del goal di David Suazo.
L’Inter soffre sin dall’inizio le offensive degli inglesi e Julio Cesar (con il Valencia aveva giocato Toldo) si supera in più di un’occasione.
Al di là del fatto che si è ancora i preparazione e che, ancora una volta Mancini ha preferito mischiare le carte, miscelando alcuni big (Julio Cesar, Materazzi, Dacourt, Suazo e nella ripresa anche Figo e Adriano) a molte riserve o Primavera (Jimenz, Samuel, Fatic, Balotelli), non è del tutto casuale il fatto che i Gunners abbiano messo sotto l’Inter.
Infatti i londinesi si sono schierati senza punte di ruolo, un po’ come la Roma di Spalletti che, infatti, ha fatto soffrire non poco i nerazzurri nella scorsa stagione (quantomeno negli scontri diretti).
Che sia questo il tallone d’Achille della corazzata Inter? Un’inefficienza nell’affrontare formazioni dinamiche che non presentano punti di riferimento in attacco?
Sarà il tempo a dirlo.
Intanto, per la cronaca, da segnalare oltre ai goal di Hleb (cinque minuti dopo il vantaggio dell’ex cagliaritano) e del giovane e talentuosissimo Van Persie all’85esimo (entrambi i goal subiti da Toldo, subentrato), l’esordio ufficiale in maglia nerazzurra (anzi, bincocrociata) di Christian Chivu, felice com un bambino.

Ultime notizie su Amichevoli

Tutto su Amichevoli →