Il Milan torna Super


Milan e Siviglia hanno onorato la memoria di Antonio Puerta, non solo indossando una maglia con il suo nome e dando vita, insieme all'esemplare pubblico di Monaco, ad uno dei minuti di silenzio più toccanti che si possa ricordare. Lo hanno fatto dando vita ad una partita vera, molto intensa e combattuta, ma sempre corretta. E' finita con la vittoria del Milan, obiettivamente più forte, al di là dei risvolti psicologici in gioco. Ma gli andalusi hanno dato veramente tutto.
Primo tempo vinto ai punti dalla formazione spagnola, molto veloce e aggressiva capace di chiudere i varchi ad un Milan, che teneva a lungo palla senza perà riuscire a sfondare, tranne che a inizio gara, quando Kakà, rubava palla a Inzaghi (chissà quante gliene avrà dette) per calciare di sinistro sul palo.
Poi, due occasioni per il Siviglia che, al primo tentativo va in goal.
Sugli sviluppi di un corner regalato dal tandem Jankulovski-Dida, nasce il colpo di testa di Renato che sfrutta la solita disattenzione del portiere brasiliano.
Dedicato a Puerta

Milan vicino al ko, quando al 25esimo, Renato appoggiava a porta vuota un pallone che Nesta, andava a cacciare lontano.
Goal mancato goal subito si dice e, in effetti il Milan cresce nella parte finale del tempo fino a trovare la rete, giustamente annullata per fuorigioco, con Inzaghi.
E' il preludio alla ripresa, nella quale i rossoneri entrano in campo con un altro piglio e impongono il proprio gioco dall'inizio.
Nel giro di 6 minuti, la situazione è ribaltata: un colpo di tacco di Pirlo mette in moto Gattuso che si trasforma in uomo assist e pennella un pallone al bacio per il solito assatanato Pippo Inzaghi, che fa 1-1 ed esulta alla sua maniera (e forse non era il caso).
Poi ancora Pirlo (che piedi!) inventa un traversone deilizioso per Jankulovski che, invece che controllare per andare al cross, si coordina ed epolode un sinistro magistrale nell'angolino: 2-1 e la partita finisce qui.
Il Siviglia non ne ha più e becca anche il terzo: Kakà si procura un rigore che si fa respingere da Palop salvo poi realizzare il tap-in di testa.
3-1 e quinta Supercoppa per il Milan.
Nessuno ha fatto meglio.

  • shares
  • Mail
74 commenti Aggiorna
Ordina: