Rassegna stampa 26 giugno 2014: prime pagine di Gazzetta, Corriere e Tuttosport

Ecco come aprono oggi, 26 giugno 2014, i giornali sportivi

La Gazzetta dello Sport apre l'edizione odierna con il caso Balotelli, che spacca l'Italia. Insultato sui social e messo sotto accusa dai compagni, l'attaccante della Nazionale si fa biondo e si sfoga su Instagram. Nel taglio alto la morte di Ciro Esposito, il tifoso napoletano colpito prima della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina a Roma. Nella spalla il retroscena sulle dimissioni di Prandelli, criticato dagli juventini più De Rossi per le sue scelte di Balotelli e Cassano. Centralmente le parole di Malagò sui responsabili della disfatta Mondiale. Quindi il calcio giocato, con Messi ancora super e l'Argentina prima a punteggio pieno nel suo gruppo; Capello con la Russia oggi insegue un miracolo.

balo spacca l'italia

Il Corriere dello Sport si schiera contro Balotelli titolando "Hai stufato" e in prima pagina propone anche la notizia della morte di Ciro Esposito col titolo "Mai più". Centralmente il successo spettacolare dell'Argentina sulla Nigeria, il pareggio della Francia e l'approdo agli ottavi della Svizzera.

Tuttosport si differenzia dagli altri quotidiani dedicando l'apertura al mercato della Juventus, accelerato dalla fine anticipata dei Mondiali per l'Italia. In entrata il nome è sempre quello di Iturbe, mentre in uscita potrebbe esserci Barzagli, magari sostituito da Astori. Nel taglio alto il post delusione Mondiale, con la necessità di nominare un nuovo presidente federale e quindi un commissario tecnico. Nella spalla il rischio maxi squalifica per il morso di Suarez a Chiellini; quindi la ribellione di Balotelli e le rassicurazioni di Galliani sul futuro di SuperMario al Milan. Nel taglio basso il caos dei diritti tv con Agnelli che chiede un nuovo bando, il Toro ci prova per Sau, mentre lunedì, in vista dei preliminari di Europa League, è già in programma il raduno. In chiusura la morte di Ciro Esposito.

  • shares
  • Mail