Grecia fuori, ma Samaras ha vinto la sua partita insieme al piccolo Jay - Video

L'attaccante greco e l'amicizia con il bambino scozzese

Ci eravamo lasciati con il trionfale giro di campo del Celtic Glasgow. I biancoverdi avevano vinto il loro quarantacinquesimo titolo della storia e Georgios Samaras, a fine partita, ha preso in braccio Joy, un piccolo tifoso affetto da sindrome di down. Il bambino è stato portato in trionfo dal suo idolo e non credeva ai suoi occhi. I due sono stati prontamente ripresi dalle telecamere delle Tv presenti al Celtic Park e il gesto ha fatto il giro del mondo in poche ore. Molti credevano che Samaras avesse preso in braccio un bambino "a caso".

In realtà Georgios Samaras e Jay Beattie si conoscono, anzi sono come "vecchi" amici. Davanti alla tv ad assistere all'incontro tra Grecia e Costa d'Avorio di martedì scorso c'era anche un tifoso d'eccezione come Jay. Al 92' viene fischiato un calcio di rigore per i greci. L'eventuale 1-1 consentirebbe agli ellenici di conquistare gli ottavi di finale. Samaras viene atterrato e decide di prendersi il compito di battere il penalty. Palla in rete e Grecia in Paradiso. A migliaia di chilometri di distanza non esultano solo i tifosi greci, ma anche Joy, l'amichetto di Samaras. Il bambino viene ripreso dai genitori mentre attende con molta tensione che venga battuto il calcio di rigore. Poi esplode di gioia, dopo il gol: "Yeeees! Unbelieveble! Samaras! Well done!".

I tifosi greci hanno espressamente richiesto alla Federazione di invitare ufficialmente Little Jay al match di ottavi di finale contro la Costarica, andato in scena ieri sera. Richiesta accolta dai vertici del calcio greco che hanno comunicato l'invito alla famiglia di Jay. Ma il bambino non è potuto partire alla volta del Brasile perché era in vacanza con i genitori negli Stati Uniti. La Grecia è stata eliminata ai calci di rigore dal Costa Rica. Ma la sconfitta degli ellenici, in una storia come questa, è solo un dettaglio.

samaras

samaras joy

  • shares
  • Mail