Collaboratori di Mazzarri spiano l'allenamento di Conte, gelo tra Juve e Napoli

Cresce la tensione a meno di una settimana della prima sfida ufficiale della stagione, Napoli e Juventus sono sbarcate a Pechino per preparare la partita che le vedrà di fronte a contendersi la Supercoppa Italiana. Il clima però è tutt'altro che disteso, già qualche giorno fa il presidente partenopeo De Laurentiis aveva indirizzato qualche frecciatina ad Antonio Conte. Quello che è successo oggi pomeriggio però è sicuramente più grave e ha fatto calare il gelo tra i due club: due stretti collaboratori di Walter Mazzarri sono stati sorpresi dalla sicurezza bianconera mentre tentavano di filmare l'allenamento dei campioni d'Italia, seduta tecnica, inutile dirlo, rigorosamente a porte chiuse.

L'episodio è stato riportato da Giovanni Guardalà, l'inviato di Sky Sport 24 ha raccontato che i due emissari del Napoli una volta individuati sono stati allontanati dalla struttura sportiva che ospita i torinesi. A questo è seguita una telefonata del dirigente juventino Paratici al suo collega Bigon, di sicuro i toni non saranno stati di cortesia. Il braccio destro di Marotta si è lamentato per la condotta altamente scorretta della società campana.

I due uomini erano nascosti in una palestra dotata di una finestra che da sul campo dove i ragazzini praticano judo, gli uomini della sicurezza sono stati attirati dalla luce di un flash. Le due "spie" sono state poi riconosciute dallo stesso Paratici che con loro aveva lavorato a Genova: si tratta del capo degli osservatori Claudio Nitti e di Enzo Concina, assistente tattico di Mazzarri. In questo periodo particolarmente carico di tensione episodi del genere sarebbe meglio non capitassero.

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail