Kanouté aggredito a fine partita

Frederic Kanouté (clicca qui per vedere la sua galleria) attaccante del Siviglia dopo il fischio finale della sua ultima partita con la maglia della nazionale del Mali se l’è vista davvero brutta. Lui e i suoi compagni avevano appena vinto a Lomé, in Togo, contro la locale rappresentativa per 2 a 0. La vittoria è



Frederic Kanouté (clicca qui per vedere la sua galleria) attaccante del Siviglia dopo il fischio finale della sua ultima partita con la maglia della nazionale del Mali se l’è vista davvero brutta. Lui e i suoi compagni avevano appena vinto a Lomé, in Togo, contro la locale rappresentativa per 2 a 0. La vittoria è valsa ai maliani la qualificazione per la prossima coppa d’Africa che si terrà nel 2008 in Ghana.
Proprio questo risultato ha scatenato l’ira dei tifosi del Togo che in massa hanno invasa il terreno di gioco dando vita ad una vera e propria caccia all’uomo.
I giocatori, lo staff e gli stessi tifosi del Mali hanno cercato di sfuggire alla furia togolese come meglio hanno potuto cercando rifugio anche negli spogliatoi. Ma non tutti sono riusciti ad evitare i colpi. Kanouté è stato colpito in faccia da un colpo di cintura, ferita che gli è costata un serie di punti di sutura. Molto peggio è andata al compagno Mamadi Sidibé che è stato raggiunto da una coltellata al braccio. Per l’attaccante in forza allo Stoke City è stata necessario addirittura l’intervento chirurgico per fermare l’emorragia.
Scioccanti le dichiarazione dell’allenatore francese del Mali Jean-François Jodar che ha così descritto la scena ai giornalisti de L’Equipe:

“Il terreno di gioco sembrava un campo di battaglia e negli spogliatoi c’era sangue dappertutto!”

Spesso si critica il clima pesante che si respira negli stadi italiani o europei, ma fatti come questo forse suggeriscono che i difetti umani sono simili un po’ ovunque.



Le migliori foto di Frederic Kanouté