Calcioscommesse: Palazzi fa ricorso, Bonucci e Pepe ancora a processo

Non è finito il tempo della tribolazione per Bonucci e Pepe. Il procuratore federale Stefano Palazzi ha deciso di impugnare la sentenza di assoluzione della Commissione Disciplinare, per rivolgersi alla Corte di Giustizia nella speranza di aver maggiore fortunata. Palazzi è fermamente convinto che le accuse di Andrea Masiello siano veritiere, nonostante le quattro versioni diverse fornite nel corso dei mesi e nonostante la giustizia ordinaria non abbia inserito il nome dei due juventini nel registro degli indagati. Si tratta di un particolare non trascurabile dal momento che l'accusa per Bonucci è quella di aver alterato una partita, il perfetto caso di "truffa sportiva".

Si può tranquillamente pensare dunque che i magistrati ordinari non credono a Masiello, mentre Palazzi resta intimamente, ed inspiegabilmente, convinto che dica la verità. La reazione delle Juventino Simone Pepe è stata quella di sfogarsi su twitter postando un messaggio chiaramente rivolto al procuratore federale: "ritenta sarai più fortunato!".

I due juventini non sono le uniche "vittime" dell'ostinazione di Palazzi perché anche per il granata Giuseppe Vives (Bari-Lecce), Marco Di Vaio e Daniele Portanova (Bologna-Bari) hanno ricevuto questa sera la brutta notizia.

Il nuovo processo dinanzi alla Corte di Giustizia, si terrà a partire dal prossimo 20 agosto per circa 3-4 giorni. Non si potranno produrre nuove prove, ed in buona sostanza Palazzi sembra essere solo alla ricerca di un parere a lui più congeniale.

  • shares
  • Mail