Reggina – Inter: 3 trasferte in 6 giorni per Mancini

Torna il Campionato di Serie A e per l’Inter è subito tempo di anticipo serale in quella che sarà la prima trasferta delle tre in programma nei prossimi sei giorni per i nerazzurri. Si riparte da Reggio Calabria contro la Reggina di Ficcadenti, lontana parente dell’ultima di Mazzarri che centrò una salvezza incredibile nonostante la

di

Torna il Campionato di Serie A e per l’Inter è subito tempo di anticipo serale in quella che sarà la prima trasferta delle tre in programma nei prossimi sei giorni per i nerazzurri.
Si riparte da Reggio Calabria contro la Reggina di Ficcadenti, lontana parente dell’ultima di Mazzarri che centrò una salvezza incredibile nonostante la penalizzazione dopo Calciopoli.

In conferenza stampa Mancini non regala una delle sue migliori performance definendo “uno sfottò, come ce ne sono ogni domenica su tutti i campigli striscioni della curva all’indirizzo dei napoletani che hanno comportato la chiusura del settore che ospita i gruppi organizzati per la prossima gara in casa dell’Inter. Difficile che il calcio faccia grandi passi avanti quando i protagonisti mostrano questo genere di tolleranza.

Tornando al calcio, l’allenatore jesino è consapevole che l’impegno con la Reggina rappresenta la partita più semplice dei sei giorni da vivere tutti con la valigia in mano: martedì in Champions League si gioca a Mosca contro lo Spartak, la domenica successiva al Renzo Barbera di Palermo, un campo difficile dove la Roma, diretta concorrente per lo Scudetto, nella prima giornata ha ottenuto il bottino pieno.

Spazio quindi al turnover, insieme ad un ritorno in campo gradito e atteso da molto tempo, quello del Capitano della Francia Patrick Vieira che tornerà a vestire la maglia da gara dell’Inter se non per tutti i 90 minuti almeno per uno spezzone, si devono registrare le due assenze di Burdisso e Stankovic. Il primo ha rimediato una botta alla testa nell’ultima partita di qualificazione mondiale con l’Argentina, il secondo viene tenuto a riposo in vista della Champions.

La Reggina, come se non bastassero i problemi di classifica e l’impegno proibitivo, ha più di qualche problema per via degli indisponibili. Restano fuori il bomber Nick Amoruso, l’anima di questa squadra soffre di un problema muscolare all’adduttore, Modesto per squalifica e con tutta probabilità almeno uno fra Cozza e Vigiani infortunatosi in allenamento durante la settimana ed in forte dubbio in attesa delle ultime verifiche del pomeriggio.

Mancini potrebbe partire con l’attacco CrespoAdriano, un’altra chance di riscatto per il brasiliano, mentre Ibrahimovic dovrebbe osservare il turno di riposo che tarda ad arrivare, troppo difficile rinunciare ai gol e agli assist dello svedese.

Il calcio d’inizio al Granillo è previsto per le 20.30, arbitro Bergonzi.