Calciomercato Esclusiva CalcioBlog: Il futuro degli "scarti" del Tottenham, Adebayor e Dos Santos

Ci sono un togolese e un messicano, entrambi extracomunitari. Il togolese dice al suo manager che lo vede fuori dal progetto: "Mister, basta prestiti! Se sono fuori, rescindiamo. Io mi prendo una buonuscita e tu non ci pensi più". Così sarà, a meno che lo spilungone dalle lunghe leve a centro area non torni sui suoi passi accettando la chiamata russa dell'Anzhi. Il messicano, invece, da buon mezzo brasiliano se la prende più comoda e, forte della sua tecnica fuori dagli spartiti calcistici di squadra, attende la sentenza di un tecnico portoghese. Intanto, mentre dorme sugli allori, la sua società lo propone a mezzo mondo. Quasi a titolo gratuito.

No, non sono barzellette. Si tratta di Emmanuel Adebayor e Giovanni Dos Santos, soltanto tre anni fa catalizzatori assoluti del fantamercato internazionale. Una volta via rispettivamente da Arsenal e Barcellona, è iniziata la parabola discendete e oggi non stupisce saperli in offerta speciale in Italia, luogo calcistico dai pochi soldini ma dal blasone ancora affascinante: Milan e Juventus il primo (con una manovra alla Galliani i rossoneri possono ancora trovare la slot utile per un passaporto non UE), Napoli, Lazio e Fiorentina il secondo.

Esistono differenze tra i due? Sul prezzo tendenzialmente no. Sull'ingaggio sì, ed è mostruosa: ballano almeno 4 milioni netti l'anno a favore dell'attaccante africano ancora tesserato per il Manchester City e, a meno di sacrifici, questo spiazza le eventuali pretendenti. Non il Milan, però. I vertici di via Turati si dicono convinti di potergli strappare un grosso sacrificio in cambio di piazza e visibilità: se si svincola, la proposta è triennale a 4 milioni netti.

Il caso Giovanni Dos Santos è più imbarazzante: Villas Boas avrebbe pensato anche al recupero del giocatore distogliendo i dirigenti dall'idea di affondare per Gaston Ramirez (12 milioni, offerta respinta dal Bologna), la società londinese nicchia ma lo propone ovunque. Al momento l'unico tiepido interesse nostrano resta quello della Fiorentina, nonostante i Babel, i Gomez e roba varia. Dos Santos sarebbe il colpo a effetto per far digerire l'addio a Jovetic, sulle cui tracce rimane solo più la Juventus e praticamente nessuno a livello internazionale dopo che l'Arsenal ha chiuso per Santi Cazorla spendendo una follia. Ma poi spunta l'Inter, che deve aiutare il Tottenham nell'ingaggio di Julio Cesar (niente rescissione per lui): non è Lucas, ma qualcosa in più alla sua età Giovanni aveva fatto vedere...

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: