Roma - Lazio 3-2: è Giallorosso il derby di Halloween

L'esultanza di Mirko Vucinic e Daniele De Rossi
Mancava Totti, il Capitano saltava il suo secondo derby dopo quello del Febbraio 2006, ma la Roma vince ugualmente, così come era riuscita a fare a San Siro con il Milan nell'ultimo turno. La Lazio non fa comunque da sparring partner, gioca bene, segna addirittura il gol del vantaggio con Rocchi, ma non riesce nell'impresa dello scorso anno quando partendo da sfavorita rifilò un secco 3 a 0 alla Roma. (Clicca qui per la gallery fotografica)

I biancocelesti devono sopperire ancora ad alcune assenze, nel complesse più rilevanti di quanto non lo sia quella di Totti per la Roma (priva per la verità anche di Aquilani e Taddei): fuori Mauri, Behrami, Del Nero, Siviglia e Diakite. L'inizio gara potrebbe far presagire una partita bloccata, con i giallorossi che non sembrano voler forzare la mano in avvio, ed è Tommaso Rocchi (che torna al gol dopo diversi turni d'assenza) a portare in vantaggio la Lazio. L'attaccante riceve palla da Pandev, che lo lancia in profondità, elude il recupero di Mexes (in ritardo nella circostanza) e fulmina Doni con un tiro ad incrociare.

Trovarsi in svantaggio a sorpresa sveglia i giallorossi che prima della fine del primo tempo trovano due volte la via della rete: pareggio di Vucinic (ancora lui) dopo bella combinazione con Mancini che segnerà poi il secondo gol servito da Mexes. Negli spogliatoi si va sul 2-1. Sembra il copione dell'ultimo Roma - Juventus quando la rete di Trezeguet risvegliò i giallorossi che con un grande Totti uscirono dal campo per il riposo in vantaggio.

Le differenze con quella gara sfortunata ci sono e sono tutte nel piede di Perrotta, che all'11esimo del secondo tempo mette dentro il 3-1 beffando Ballotta in uscita. Sembra perchè la Lazio non ci sta e si va ancora sotto, la Roma amministra con qualche difficoltà e subisce la rete del 2 a 3 grazie alla punizione meravigliosa di Ledesma (traversa-gol su parabola imprendibile). L'argentino, recuperato in extremis, segna il suo secondo gol nei derby, ma stavolta servirà solo per le statistiche.

Il finale di gara è ancora vibrante, ma senza grandissime occasioni da gol, con la Lazio che generosamente cerca un pareggio beffa che non arriverà. Il derby è giallorosso per la 52esima volta e finisce il periodo "terribile" del calendario romanista, superati tutti i 7 scontri diretti delle prime 10 giornate ora la attendono avversari meno quotati da qui alla fine del girone d'andata: con soli 3 punti di ritardo dalla vetta si può sognare.


La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2

La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2

La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2
La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2
La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2
La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2
La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2
La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2
La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2
La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2
La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2
La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2
La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2
La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2
La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2
La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2
La Galleria Fotografica di Roma - Lazio 3-2

  • shares
  • Mail
29 commenti Aggiorna
Ordina: