Passata la paura per Di Michele


Durante la sfida di campionato tra Torino e Catania l'attaccante granata David Di Michele conosceva per la prima volta l'emozione di giocare nello stadio di casa dopo aver esordito a San Siro contro il Milan con la sua nuova maglia.

Alla mezz'ora del secondo tempo il Torino stava provando, anche in virtù della superiorità numerica, a cingere d'assedio la difesa siciliana per cercare la vittoria.
Di Michele si è infilato in area cercando di raccogliere un passaggio di Ventola quando si è scontrato con il portiere Polito. L'uscita dell'estremo difensore non è stata scorretta ma l'attaccante dopo l'impatto è rimasto a terra. Le sue urla sono state fortissime tanto che Polito spaventatissimo si è chinato su di lui e tenendogli la testa per cercare di calmarlo.
Si è temuto ovviamente il peggio, il dolore provato da Di Michele sembrava non lasciare spazio all'ottimismo, il suo mantenere le mani sul ginocchio destro lasciava intuire il classico infortunio ai legamenti che vuol dire stagione finita. A questo aggiungiamo anche l'infortunio subito durante la stessa partita da Rosina, possiamo capire che il morale dei granata non era proprio alle stelle.

Ma la fortuna questa volta ha deciso di volgere gli occhi verso il talentuoso attaccante di Guidonia. Dalla risonanza magnetica effettuata stamattina sono emersi risultati più che confortanti. Non sono state rilevate fratture, è questa la notizia migliore, la diagnosi parla di una distrazione del collaterale del ginocchio destro e di una distorsione della caviglia destra.
Il periodo di stop quindi si riduce sensibilmente: "soltanto" tre o quattro settimane che grazie anche alla sosta per le partite della nazionale valgono ancora meno.

Un sospiro di sollievo per i tifosi e per la società granata, Cairo può tranquillizzarsi dopo che ieri aveva chiesto spiegazioni allo staff tecnico per cercare di capire l'origine di tutti questi infortuni che stanno falcidiando la sua squadra. Il Toro avrà bisogno anche di Di Michele per risalire la china ed essere all'altezza delle aspettative che c'erano a inizio stagione.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: