Squalifica Conte, Petrucci si schiera con Zeman: "Dice cose che pensano tutti"

Gianni Petrucci è tornato oggi sulla questione Conte, lo ha fatto intervenendo nella rubrica "5 Minuti di Recupero" di Rai Sport. Il presidente del Coni è stato il primo ospite della nuova stagione e inevitabilmente il tema del calcioscommesse l'ha fatta da padrone, c'è stato un passaggio in particolare, nell'intervista condotta da Carlo Paris, che farà discutere non poco nei prossimi giorni e riguarda il pensiero del numero uno dello sport italiano in merito alle dichiarazioni rilasciate da Zeman in questi ultimi giorni.

Petrucci, in maniera un po' troppo imprudente, non ha esitato a schierarsi dalla parte del boemo dichiarando: "Zeman tante volte dice tutte le cose che la gente pensa ma che non ha il coraggio di dire". L'allenatore della Roma aveva spiegato che a suo modo di vedere Conte non dovrebbe avere la posibilità di allenare durante la settimana, ma soprattutto aveva chiesto senza troppi giri di parole il deferimento e la squalifica per il salentino dopo l'infuocata conferenza stampa a commento della sentenza dei giorni scorsi.

Ognuno è libero di esprimere le proprie idee e di solidarizzare con il pensiero di Zeman o di chiunque altro, questo in linea di massima, il problema nasce quando a parlare e a prendere posizione è il presidente del Coni, l'organismo che è capo di tutto lo sport italiano e di quel TNAS (Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport) che fra qualche giorno sarà chiamato a giudicare il ricorso dell'allenatore della Juventus. Quella di Petrucci è quindi da considerarsi un'interferenza molto grave che sicuramente non può far dormire sonni tranquilli a chi al TNAS ricorre per far valere le proprie ragioni.

Eppure non sarebbe difficile evitare questi incidenti diplomatici, la ricetta ce la da lo stesso Petrucci nel corso della stessa intervista quando riprende le parole pronunciate da Abete durante il suo discorso agli arbitri ("Ognuno deve rispettare il proprio ruolo") o quando suggerisce "se si stava zitti ne uscivamo prima". Più facile a dirsi che a farsi evidentemente. Le parole di Petrucci sicuramente non avranno fatto piacere a Conte, sebbene il presidente del Coni ci tenga a sottolinare di non avercela con lui, e in qualche modo gli avranno ricordato le valutazioni a caldo di Sandulli sulla sentenza, pensieri in libertà rilasciate ad una radio quando ancora non erano state depositate le motivazioni.

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: