Il Levante “italiano” non paga gli stipendi

La squadra della Liga Spagnola più “italiana”, il Levante di De Biase, ha la brutta abitudine di non pagare gli stipendi. La situazione sta diventando complicata, il pagamento degli ingaggi era arrivato a singhiozzo già lo scorso anno, in questa nuova stagione i rubinetti si sono totalmente chiusi. Non si tratta di una “punizione” legata

di

La squadra della Liga Spagnola più “italiana”, il Levante di De Biase, ha la brutta abitudine di non pagare gli stipendi. La situazione sta diventando complicata, il pagamento degli ingaggi era arrivato a singhiozzo già lo scorso anno, in questa nuova stagione i rubinetti si sono totalmente chiusi. Non si tratta di una “punizione” legata al rendimento certo non esaltante della squadra, bensì del frutto delle difficoltà economiche del Presidente del Club Roig.

Il Levante occupa ancora l’ultimo posto in classifica in campionato, ma ha trovato dopo l’arrivo del tecnico italiano le prime tre vittorie stagionali casalinghe: due in campionato con Betis Siviglia e Almeria (rivali dirette nella lotta per non retrocedere) e una in Coppa del Re ancora con l’Almeria. I 7 punti raccolti sono ancora pochi, ce ne vorrebbero almeno il doppio per arrivare al quartultimo posto, ma il carattere e la grinta sembrano decisamente ritrovate grazie anche alle reti dell’attaccante ghanese Mustapha Riga.

Il nostro Riganò è indisponibile, ma Tommasi, Cirillo e Storari non fanno mancare il loro contributo. Il portiere in particolare è fra gli idoli della tifoseria, ma nemmeno questo gli garantisce il regolare pagamento dello stipendio. Per il momento i giocatori in rosa sono comunque disponibili ad attendere prima di mettere in mora la società, dando credito alle promesse del Presidente.

Decidessero di “scioperare” si rischierebbe di veder fumare anche le ultime speranze di un difficile salvezza. Intanto alcuni giocatori ceduti nel mercato estivo come il francese Laurent Robert, non sembrano intenzionati a mostare la stessa pazienza, il centenario della società nel 2009 potrebbe arrivare con una nuova proprietà.